Calori, applausi per Arma

FERRARA.Erano in tanti, i volti noti presenti ieri sulle tribune del 'Paolo Mazza" per assistere al recupero fra Spal e Cremonese. Fra questi Andrea Bottazzi, centrocampista indimenticato dell'ultima Spal vincente, quella di Gibi. «Un'ottima Spal, meglio della Cremonese - ha spiegato Bottazzi a metà partita -. Avevo visto la gara di Verona, quando è arrivata una sconfitta immeritata al termine di una prestazione convincente. Dove possono arrivare i biancazzurri? Presto dirlo, ma tra le grandi del campionato credo possa starci senza problemi». L'ex regista biancazzurro sottolinea l'entusiasmo del tifo spallino: «Fa molto piacere vedere di nuovo un bel clima allo stadio, si viene più volentieri al 'Mazza" anche perché la squadra diverte in campo e c'è una società seria ed importante alle spalle».
In tribuna anche Alessandro Calori, ex difensore di Udinese, Atalanta e Perugia, e nella scorsa stagione, nella parte finale del campionato, sulla panchina dell'Avellino: «In campo ci sono due ottime squadre - ha spiegato -, ma questo lo si sapeva già perché basta guardare alle rose, ai risultati ed al blasone di Spal e Cremonese». Calori è rimasto colpito da Arma e Cazzamalli: «Si tratta di due giocatori molto interessanti, senza dubbio. Arma ha ottime qualità, è giovane ed in attacco, soprattutto nel primo tempo, ha dato l'idea di poter fare reparto da solo creando non pochi grattacapi alla difesa grigiorossa. E sicuramente anche Cazzamalli ha messo in mostra ottime qualità in mezzo al campo, riuscendo spesso a farsi trovare pronto in fase difensiva e nelle ripartenze».