E' morto ieri Walter Moretti professore universitario di letteratura italiana

Walter Moretti, 79 anni, uno dei più famosi insegnanti universitari di letteratura italiana, è morto ieri colto da infarto mentre si stava recando, in compagnia della moglie, ad una visita specialistica. Il malore lo ha colpito nella sua casa di Argenta ed è morto dopo le 14 durante il trasporto all'ospedale S. Anna, dopo che i medici hanno cercato in tutti i modi di rianimarlo.
«Per noi è stata una tragedia improvvisa - dichiara il fratello Rino, che per lutto ha annullato un'importante conferenza che si doveva tenere ieri ad Argenta - Walter aveva avuto dei problemi di salute, ma nessuno poteva immaginare quanto purtroppo è successo».
E' ancora da fissare la data dei funerali.
Laureato a Bologna, Moretti è stato uno dei docenti che ha maggiormente contribuito alla trasformazione del Magistero in una vera e propria facoltà di Lettere e Filosofia a Ferrara. «Amava soprattutto i grandi autori nell'orbita ferrarese - ricorda il professor Luigi Pepe - da Ariosto al Monti con una predilezione per il Tasso, sulla cui figura abbiamo collaborato insieme in un convegno». E' stato autore di varie opere di critica e di storia letteraria, tra cui 'Relazioni di viaggio" di Lorenzo Magalotti (1968), 'Cortesia e furore del Rinascimento italiano" (1970), 'Torquato Tasso" (1974), 'Cultura e vita civile tra Riforma e Controriforma" (1973: in collaborazione con altri due autori), 'Dalla negazione all'attesa - Da Leopardi agli anni Quaranta" (1974), 'L'ultimo Ariosto" (1977), 'La cultura ferrarese tra le due guerre mondiali" (1980). Ha pubblicato l'opera 'The Renaissance in Ferrara and its European horizons" in collaborazione con le università di Ferrara e Swansea.