Questa Spal piace proprio a tutti


FERRARA. Si avvicina il giorno della grande sfida fra Spal e Cisco Roma, in programma domenica pomeriggio al 'Paolo Mazza". Abbiamo raccolto il parere di alcuni protagonisti della storia biancazzurra, recente e passata, alla vigilia di questo big match del campionato di C2.
RICCARDO CERVELLATI.Sono buone le prime impressioni raccolte dall'ex portiere spallino, ora procuratore sportivo: «Non ho seguito la Spal personalmente nelle prime partite di campionato, ma chi l'ha vista me ne ha parlato molto bene. Non avevo dubbi, Rossi è un professionista serio e preparato, che cura ogni aspetto del lavoro».
ELISO CROCI.L'ex terzino della Spal degli anni '70 non ha dubbi sulla qualità della Spal: «Ho seguito la squadra nelle prime due partite casalinghe, e sono rimasto piacevolmente impressionato. Poi, e Giugliano ne è una dimostrazione, la forza del gruppo è tale anche da imporsi nelle partite su campi ostici. La sfida con la Cisco non è decisiva, ma ottenere un buon risultato equivarrebbe ad un ulteriore incentivo per aumentare l'entusiasmo».
OTTAVIO FERRARESI.Il presidente provinciale dell'Associazione allenatori elogia la compagine biancazzurra: «Le prime impressioni sono senz'altro positive. La squadra è ben amalgamata, ed in campo si muove bene, con ordine e compattezza. Un grande risultato con la Cisco sarebbe essenziale per proseguire il trend positivo».
GIORGIO GAMBIN.L'ex centravanti biancazzurro degli anni '70, ora opinionista televisivo, si sofferma sul ritrovato feeling fra la Spal ed i suoi tifosi: «È il segnale che la squadra sta facendo bene in campo, e che la mentalità nell'affrontare le partite con la voglia di vincere è quella giusta per rendere partecipe un pubblico che era scottato dalle recenti delusioni. Questa squadra ha le qualità per rilanciare l'ambiente».
STEFAN SCHWOCH.L'attaccante del Vicenza, ormai ferrarese un acquisito, tesse le lodi del lavoro fin qui svolto da mister Rossi: «Non avevo dubbi, Leo è un allenatore serio e preparato, e la squadra, in campo, risponde benissimo ai suoi dettami tattici. Questi risultati positivi non sono certo un caso».
ALESSANDRO SOVRANI.La voce storica della Spal e conduttore tv di Telestense, non ha dubbi sul valore della compagine biancazzurra: «Dopo tanti anni difficili, c'è un'atmosfera diversa in casa Spal. Il gruppo costruito da Mangoni e Rossi è formato da calciatori di assoluto livello, che mescolano l'esperienza e la classe di alcuni all'esuberanza di altri. La sfida con i laziali è di prestigio, però il parere positivo sulla squadra sino a qui ammirata non cambierà certo in base al risultato di domenica pomeriggio, anche perché il campionato è ancora molto lungo».
RICCARDO VILLA.L'ex mediano biancazzurro dei primi anni '70 ed attuale osservatore della Spal, è sintetico: «Posso solo dire che dopo tante stagioni stiamo tornando a vedere una Spal capace di emozionare la città ed i suoi tifosi come spesso accadeva nel passato glorioso».

Federico Pansini