Per la panchina il favorito è sempre Leonardo Rossi

FERRARA. Leonardo Rossi (nella foto) resta comunque favorito nella corsa alla panchina della Spal, annata 2006/07. L'ex calciatore biancazzurro - per anni pure a Ravenna - coronerebbe cosi una crescita tecnica e un cammino coronato da buoni risultati. Dopo gli inizi all'Argentana, il passaggio con successo alla Mortizzuolese/Mirandolese, il bis al Massalombarda e la salvezza miracolosa in serie D della scorsa stagione al Reno Centese.
Conseguito pure il patentino di Seconda categoria, la scorsa estate Rossi pagò la retrocessione del Genoa (dove avrebbe seguito Guidolin per esserne il vice) con un periodo di attesa, finché non arrivò la chiamata del Fano con il quale ha effettuato una bella rimonta che gli era valsa la riconferma... «Sono in parola con loro - dice il diretto interessato -, ma dopo le pesanti contestazioni alla società dell'ultima giornata il presidente ha lasciato la squadra in mano all'amministrazione, dicendomi di ritenermi libero».
Le richieste in serie D non gli mancano di certo, ma l'ipotesi Spal per lui che vive a Ferrara è sicuramente la più affascinante: «Ci mancherebbe, sarebbe un'avventura bellissima. Non nego che sono stato contattato, ma è un discorso che approfondiremo nei prossimi giorni. La carne al fuoco è tanta...».
Sulla carta quello tra Rossi e la Spal sembra dunque un matrimonio che si potrebbe fare. Fermo restando che la dirigenza incontrerà Nicoletti, la concorrenza si sta riducendo. L'ultima voce riguarda il tecnico mantovano Alberto Bollini(più volte vicino ai biancazzurri), che in queste ore si sta accordando con la Fiorentina, dove guiderà la squadra Primavera.