Improta, è dura. In corsa anche Antenucci e Memmo

FERRARA.La Spal ha cercato di stringere per l'acquisto della punta. Gli sforzi, però, non hanno portato a risultati immediati. Il riferimento è alla trattativa per Umberto Improta, classe '84, di proprietà della Triestina ma in prestito al Ravenna, dove non resterà. La Spal ieri sembrava aver convinto il club giallorosso, perchè nel pomeriggio il diesse romagnolo Buffoneha dichiarato: «La Spal ha superato il Chieti. La decisione definitiva, però, la prenderemo lunedi o martedi al massimo». Il discorso-Improta è comunque complicato, sia perchè il Chietiè certo del si dell'attaccante (dice di avere l'accordo su tutto), sia per l'inghippo del triplice tesseramento (Salernitana, Triestina, Ravenna). Ieri la Spal ha mandato il digi Molinariin Lega a Firenze per dipanare la questione, ma non ci sono certezze. A Ravenna dicono che il giocatore è trasferibile (la vecchia Salernitana è fallita e ripartita con il Lodo Petrucci) ma... «Non voglio un altro caso Imbs - tuona il presidente Tomasi-. A Firenze dicono che si può fare, a Milano affermano il contrario. Il ragazzo verrebbe, ma è tutto complicato». Si valutano dunque le alternative. Altinierdel Mantova, Marzullodel Vittoria e... Antenuccidel Giulianova. La trattativa per quest'ultimo è stata avviata ieri. Il diesse Ranzaniha parlato col suo collega giuliese Cavallaro. Mirco Antenucci, classe 1984, 1.73 per 72 kg, è cresciuto nel Giulianova e l'anno scorso ha giocato nell'Ancona (2 gol in 27 gare). Tecnico, veloce, abile nell'uno contro uno, quest'anno ha segnato al Pavia. E' stato la stella della Nazionale alle recenti Universiadi, segnando due gol anche nella finale contro il Giappone. Ranzani si è preso un paio di giorni, e col Giulianova ha parlato pure del 32enne Max Memmo. Caratteristiche diverse, ma le piste sono percorribili.