Romero, un derby da protagonista «Che grande serata»

di Gabriele BuffoniwFORTE DEI MARMIL'incubo del Cgc Viareggio in quest'ultimo, esaltante derby versiliese ha i tratti di Gonzalo Romero: trascinatore e uomo squadra, martedì ha lasciato un segno indelebile sulla gara siglando una doppietta che ha prima permesso al Forte di pareggiare e, infine, di chiudere i giochi sul risultato di 4-2. Alla sua seconda stagione in rossoblù, non è un caso se su di lui - come riportano diverse testate portoghesi, anche se al momento non sembra esserci alcuna decisione definitiva da parte del giocatore - si è acceso l'interesse di compagini come Sporting e Porto, pronte ad offerte da capogiro pur di convincerlo a lasciare l'Italia. Romero, due gol pesanti i suoi ad un Leonardo Barozzi che per tutto il primo tempo si è dimostrato insuperabile. «Il portiere del Centro ha fatto qualcosa di meraviglioso martedì, tenendo in piedi per tutta la partita la sua squadra. Ho perso il conto di quanti gol ci abbia negato, anche alcuni che sembravano fatti. Alla fine però ha avuto la meglio chi ci ha creduto di più, e per fortuna siamo riusciti a spuntarla noi». Dopo la sconfitta a Sarzana, dove era mancata la prestazione, questa vittoria nel derby è stata una rivalsa per voi?«Come ci ha ripetuto anche il mister, la partita di martedì andava vinta non solo per dare una reazione dopo Sarzana: certo, tutti noi volevamo una sorta di rivincita, ma per noi il capitolo era chiuso. Volevamo questo successo perché, semplicemente, si trattava di un derby, per giunta in casa nostra. Credo che l'atmosfera elettrica che si respirava sia dentro che fuori la pista, con gli spalti strapieni di tifosi, fosse già di per sé uno stimolo sufficiente per non mollare fino alla fine». A tal proposito, dopo ognuno dei suoi gol si è letteralmente gettato tra i tifosi in curva prima ancora di festeggiare con i compagni: è stato così importante per voi avere il loro supporto nel derby?«Io mi sono sempre lasciato trascinare dal tifo. Ora che i nostri ultras sono tornati è innegabile che sia più bello anche per noi in pista: si può pensare che non abbiano una grande incidenza sul risultato, ma per noi tutti conta molto averli lì a sostenerci. Dopo aver segnato quei gol al Viareggio mi è sembrata la cosa più naturale del mondo condividere tutta quella gioia con loro».Oltre ai 3 punti, cosa vi ha lasciato questa vittoria nel derby?«Innanzitutto ci ha dato una gran bella iniezione di fiducia per le prossime partite che saranno tutt'altro che facili, a cominciare dalla trasferta a Valdagno di sabato dove non possiamo abbassare la tensione. E poi, se guardiamo anche al match che ci aspetta contro il Barcellona, direi che la prestazione così intensa avuta contro il Centro è stata un'ottimo banco di prova».