Grande successo al Teatro Verdi per i “Miserabili”

PISA Un Teatro Verdi gremito ha salutato sabato la messa in scena de "I Nostri Miserabili" dal romanzo di Hugo, uno spettacolo realizzato dal Liceo Scientifico Dini e dai suoi tanti ragazzi, magistralmente diretti da Franco Farina, anima di questa nuova esperienza e responsabile del laboratorio teatrale, che ha visto sul palco impegnate cento persone e che ha coinvolto più di mille spettatori, tra la prova generale della mattina e lo spettacolo della serata. Un successo che ha ripagato ancora una volta la comunità scolastica, che con il suo laboratorio, ha dato prova di grande professionalità e di un amore verso il teatro, da veri e propri professionisti. Non a caso la parola "Nostri", nel titolo dell'opera, stava proprio a significare una appartenenza ad un testo scelto su misura dalla collettività stessa che lo ha animato, non dimenticando nè chi in quel laboratorio era alla sua prima esperienza, né chi era al quarto o quinto anno. E l'obbiettivo è stato centrato a pieno. "La complessità e la ricchezza dell'opera – ha sottolineato infatti il regista Farina – ridotta a due sole ore e mezzo di spettacolo ha permesso di costruire una sfida alta e complessa, strumento utile alla formazione dei ragazzi. I Miserabili è, infatti, un romanzo di passioni giovanili, di grandi ideali, di grandi amori, di grandi riflessioni sulla giustizia e l'ingiustizia sociale, sulla colpa e la punizione, sul brutto e sul bello, sui primi e sugli ultimi della società ed è costruito grazie a personaggi che incarnano tutto questo; personaggi con cui è importante dialogare e che permettono l'incontro di una varietà dell'umano altrimenti difficile da immaginare". Più che soddisfatta anche Silvia Gentilini, coordinatrice del progetto. "Lo sforzo di quest'anno – ha sottolineato – è stato infatti raddoppiato. Dopo 16 anni sono stati rimessi insieme il laboratorio del coro con quello di recitazione, il che richiede eccezionali travasi dall'uno e dall'altro, nonché la previsione di supporti tecnici in grado di permettere poi la realizzazione ed il canto scenico". Infine un ringraziamento ai tecnici del Teatro. A formularlo è lo stesso Farina. "Grazie alla professionalità dei tecnici del Teatro - ha detto il regista - in soli tre giorni è stato possibile costruire una scena che ha funzionato e che i ragazzi hanno potuto usare e valorizzare". La realizzare di un vero proprio sogno, grazie appunto a Franco Farina e ad Alice Bachi (alla regia), Giovanni Del Vecchio (direttore coro e gruppo musica), Silvia Gentilini e Paola Panicucci (coordinatrici laboratorio teatrale) e, non per ultimi, i bravi ragazzi del Dini. Roberta Galli ©RIPRODUZIONE RISERVATA