AMARANTO» IL FUTURO

di Fabrizio Pucci wLIVORNO Un movimento inatteso anche perché non rientrava nelle priorità. La rosa del Livorno perde un petalo. E Spinelli guadagna qualche soldo. Chissà che non sia l'inizio di una serie di operazioni in grado di migliorare il volto della squadra in attesa di sciogliere in modo definitivo la questione allenatore. Ciao Decarli. Un tweet sul profilo ufficiale della società dell'Eintracht Braunschweig all'ora di pranzo dell'ultima domenica di giugno e l'avventura di Saulo Decarli a Livorno è finita prima di cominciare la stagione 2014/15. Il difensore svizzero, che gli amaranto a gennaio hanno girato in prestito all'Avellino ha trovato un accordo con i tedeschi della Bassa Sassonia e oggi passerà ai giallobù a titolo definitivo. Decarli, nazionale Under 21 svizzero, sta per firmare con l'Eintracht un contratto quinquennale. Lo attende una stagione da vivere in prima linea alla ricerca della promozione nella Bundesliga. Il destino del Braunschweig, infatti quest'anno è stato identico a quello del Livorno: è retrocesso in serie B e ora cercherà l'immediata risalita nella massima serie. Decarli, prima di tornare in amaranto, aveva chiesto la garanzia di un posto da titolare. Garanzia che non gli è stata data così il ragazzo ha preferito cambiare aria e accordarsi con la società che lo aveva cercato con maggiore insistenza. La società adesso deve trovare sul mercato il sostituto dello svizzero. Ma non è solo la difesa il reparto su cui andranno messe le mani. Facciamo il punto a due settimane dal raduno. Portieri. Al momento a difesa dei pali c'è il solo Mazzoni. Bardi è tornato all'Inter che lo girerà in prestito al Chievo. De Lucia appartiene al passato e la coppia formata da Aldegani e Anania è libera di accasarsi altrove. Sono due i nomi accostati al Livorno: Pigliacelli del Parma (ultimo anno a metà tra Pescara e Reggina) e Brignoli, vecchia conoscenza di Nicola dai tempi del Lumezzane, ma che dal 2012 ha vestito la maglia della Ternana. C'è anche l'ipotesi di promuovere a terzo portiere il baby Cipriani. Difensori. Il Livorno è sulle tracce di Fabbro dell'Avellino. E' invece pressoché sfumato l'ex pisano Goldaniga che è vicinissimo ad accordarsi con il Perugia. Tuttavia il reparto è ben fornito con Emerson, Bernardini, Gemiti, Lambrughi e Gonnelli. Sub judice la posizione di Ceccherini. Il ragazzo è molto richiesto in serie A (Roma, Fiorentina, Genoa e Inter) e la società sta pensando a una formula che consenta di cederlo, ma di averlo comunque in prestito per l'anno che verrà. Manca un esterno destro e la società si sta attrezzando per trovarlo. Un nome potrebbe essere quello di Crescenzi, ex Novara. Centrocampisti. Sono tornati Molinelli e Belingheri, ma qui le partenze sono state tante: Duncan, Benassi, Greco e per ora anche Mosquera che il Livorno conta di riprendersi. C'è da sciogliere la questione Moscati. Il Perugia vorrebbe tenersi il giocatore che invece è di nuovo amaranto dopo il prestito in Umbria. Le due società si sono aggiornate per questa settimana. Attaccanti. Tutto ruota attorno a Paulinho. Stoke City e Southampton se lo contendono giocando al rialzo e questo fa la felicità di Spinelli. Il pisano Arrighini ha preferito accasarsi all'Avellino così il direttore sportivo Elio Signorelli ha virato su Ardemagni. Si tratta del classico 'usato sicuro', una punta di categoria che è ancora giovane (27 anni) e tanta voglia di riscatto dopo una stagione con appena quattro gol all'attivo. Pochi per uno che è sempre andato in doppia cifra toccando anche quota venti. Un piccolo caso riguarda Siligardi. Il giocatore piace a qualche squadra di serie A e tutto sommato a lui farebbe piacere riprovare a giocare nel massimo campionato. Due settimane al via. Due settimane per fare chiarezza anche su questo aspetto.