serie bwin»LA 34ª GIORNATA

di Paolo Franzò wGROSSETO In questo pazzo campionato di serie B, eccoci arrivati a giocare un turno anche di giovedì sera. Mancava in effetti questo giorno. Si è giocato di venerdì, sabato, domenica, lunedì, martedì e anche mercoledì. Il cerchio si chiude. Il finale della stagione insomma si srotola velocemente sotto gli scarpini biancorossi, di scena appunto questa sera su un campo da sempre amico, quello di Ascoli. Quello che ci arriva stasera, però, è il peggior Grifone di sempre al Del Duca, se non per il blasone dei giocatori in rosa, per una classifica che, impietosa, lascia ancora margini di speranza di salvezza, legati solo alla fantasia più ottimistica. La maggior parte degli sportivi ha ormai smobilitato da un pezzo. Lo dicono i commenti in città e i numeri al botteghino del Carlo Zecchini. Chi invece vuol crederci ancora è mister Moriero che, malgrado le mille difficoltà tra le quali deve muoversi settimanalmente, ancora una volta prova a scuotere l'orgoglio dei suoi, a caccia di una vittoria che se non altro possa servire ad allungare il sogno di una rimonta clamorosa. Con lui, il suo "braccio armato" sul campo, ovvero quel Gennaro Delvecchio rilanciato proprio da Moriero, con tanto di fascia di capitano. Rientra questa sera, dopo una giornata di stop per squalifica. Un'assenza che, a dire il vero, in mezzo al campo si è sentita con il Cesena, eccome. «Non regaleremo niente a nessuno», ha tuonato proprio Delvecchio in settimana. A dire il vero, il Grosseto trova sulla sua strada un'altra squadra che davvero si fatica a capire, come possa avere così tanti punti in più del Grifone in classifica. Una squadra che ha trovato le sue fortune nel giovane Zaza che, ironia della sorte, avrebbe vestito la maglia dell'Unione Sportiva se non ci fosse stato il caos del calcio scommesse. Ma Zaza stasera non ci sarà e, vista la rabberciata difesa biancorossa, non c'è che da esserne lieti. Moriero intanto recupera pezzi importanti soprattutto a metà campo, dove qualche dubbio potrebbe pure conservarlo. Ma deve "aggiustare" una difesa troppo svagata col Cesena e soprattutto, trovare il partner di Arturo Lupoli che nella "sua" Ascoli, vuol tornare per una sera "Re Artù". Il tecnico biancorosso potrebbe anche riproporre la catena di sinistra (Calderoni e Som), con la quale sbancò casa Sassuolo. Recupera a destra Donati, appena rientrato dall'impegno con l'Under 21, dove è stato protagonista soprattutto nel match contro la Russia: luci e ombre in biancorosso, solo luci in azzurro. Poche le certezze. Tra queste ci sono Soddimo e Gimenez, cresciuti nelle ultime partite.