Ucciso da un tumore giovane padre, faceva il cuoco

SANTA CROCE SULL'ARNO Giovanni non ce l'ha fatta. Ha lottato con grande dignità contro un tumore. Si faceva forza perché voleva vedere crescere suo figlio, che ha poco più di un anno. Ma alla fine si è arreso in un letto del reparto di rianimazione dell'ospedale San Giuseppe di Empoli, dove era stato ricoverato alcuni giorni fa in seguito all'improvviso peggioramento delle sue condizioni di salute. Giovanni Puzo aveva soltanto 31 anni. Originario di Santa Croce sull'Arno, dove vivono ancora i suoi genitori, dopo essersi sposato con Veronica Calugi si era trasferito a Poggio Tempesti, nel comune di Cerreto Guidi. «Un ragazzo eccezionale, al quale non potevi che volere bene» continuano a ripetere gli amici tra le lacrime. Giovanni aveva coronato il suo sogno di diventare un cuoco. In passato ha lavorato a lungo al ristorante Le Vedute di Fucecchio e si era fatto conoscere e apprezzare per le sue qualità professionali e umane. Una vita ricca di soddisfazioni, culminate con la nascita del primo e unico figlio, all'inizio del 2011. Ma poco dopo è iniziato il calvario. Giovanni non stava bene e fu sottoposto a una serie di accertamenti. La diagnosi fu terribile. Il giovane santacrocese, sempre supportato dall'amore di tutta la famiglia, è stato ricoverato a lungo all'Istituto neurologico Carlo Besta di Milano, un polo di eccellenza per la ricerca e la cura delle più significative malattie neurologiche. Dopo un periodo di terapie, alcuni mesi fa fu sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Che purtroppo non è riuscito a debellare il male che l'aveva colpito. Dopo un periodo di degenza al Besta, era tornato a casa, dove ha potuto vivere le ultime settimane circondato dall'amore di tutta la famiglia. Pochi giorni fa però le sue condizioni si sono ulteriormente aggravate, tanto che è stato necessario il ricovero al San Giuseppe di Empoli, dove il suo cuore ha cessato di battere. La notizia del decesso di Giovanni Puzo ha destato profondo cordoglio a Santa Croce dove era cresciuto e dove la famiglia è molto conosciuta, a Cerreto Guidi, dove era andato a vivere e a Fucecchio, soprattutto nell'ambiente della Pubblica Assistenza, dove peraltro il suo suocero Claudio Calugi riveste anche l'incarico di consigliere. Il funerale si terrà stamani alle 10.30 nella chiesa di Sant'Andrea Apostolo a Santa Croce sull'Arno. Poi la salma sarà tumulata nel cimitero di Cerreto Guidi. (f.t.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA