I calciatori giurano fedeltà ai tifosi Cori per Camilli da tribuna e curva nord

Moriero a destra, Camilli a sinistra. Al centro il capitano Olivi. È stato lui a leggere, prima della partita, il giuramento con il quale i giocatori si impegnano a rispettare i valori della correttezza e del fair play, anche e soprattutto nei confronti dei «bambini, che guardano a questo sport con amore e ammirazione». Poche decine di secondi per stabilire un patto tra tifosi e giocatori: un'assurdità, a ben pensarci, ma un atto di necessità quantomeno formale dopo l'annata travolta dal calcioscommesse. Poi Camilli ha riguadagnato la tribuna, addirittura accennando a una corsetta per essere sicuro di non perdersi nemmeno un secondo di questa partita, quella che fino a mercoledì scorso nessuno era sicuro che sarebbe stata giocata. «Piero, Piero», hanno invocato dalla tribuna nello stesso modo della sera dell'assoluzione. «Un presidente, c'è solo un presidente» ha intonato la curva felice come mai di poter essere di nuovo attiva per tifare ancora per il Grifone, per tifare ancora in serie B. (p.s.)