Filkor e Ferreira in pugno, Piccolo resta qui

LIVORNO Bernardini, ma non solo. Nel giorno riservato alla risoluzione delle comproprietà, il Livorno è riuscito a mantenere nella rosa anche 'freccia del sud' Piccolo. Un'operazione che avevamo anticipato nei giorni scorsi e che si è puntualmente verificata. Rimane invece in biancorosso Francesco Volpe, che a questo punto saluta definitivamente la maglia amaranto. Un'altra compartecipazione risolta è quella del centrocampista Migliorini che da ieri è un giocatore della Spal a tutti gli effetti. Sono tornati dal prestito Rizza (Pergocrema), Galabinov (Bassano) e Di Bella (Piacenza). Andranno in ritiro a Castel di Sangro con il resto del gruppo. In quella sede saranno valutati da mister Nicola dopo di che sarà presa una decisione sul loro conto. Come una riflessione verrà fatta anche su Marco Moscati (di ritorno dal Perugia) e sul suo cugino Filippo. La società sta lavorando anche per il ritorno di due giocatori che l'anno scorso hanno lasciato una buona impressione. Il primo è il difensore Simone Sini. La Roma, infatti, sembra propensa a lasciarlo a Livorno per un'altra stagione. L'accordo c'è e sarà annunciato la prossima settimana. Buone notizie anche sul fronte di Attila Filkor. Il 'taglialegna' magiaro dovrebbe vestirsi di nuovo d'amaranto. Il ragazzo non avrà piedi di velluto, ma è un mastino che morde le caviglie degli avversari e non molla mai. E' un elemento utilissimo. E poi ha espresso chiaramente il desiderio di tornare. Significa che verrà motivato e con grande attaccamento alla maglia. L'ultima stagione con le sue mille storie ha lasciato il segno. E molti giocatori sentono sulla loro pelle la preziosa casacca. Questo deve essere il fulcro attorno al quale far girare il Livorno 2012/13. Sempre in entrata la società si è presa una piccola pausa di riflessione sul difensore Ricardo Ferreira del Milan. La partenza di Knezevic ha aperto una falla che può essere coperta in tre modi. Primo: con la soluzione interna spostando Lambrughi centrale (a quel punto serve un esterno). Secondo: affidando il ruolo a un difensore esperto. La terza strada prevede l'arrivo di un giovane, qual è appunto Ferreira, classe 1992. «Non abbiamo fretta – dice da Milano il ds Elio Signorelli – il Milan è disposto a lasciarci ancora Filkor e a mandare in prestito Ferreira, però nei prossimi giorni faremo un summit societario per definire la linea tecnicamente più giusta. Però non abbiamo fretta, siamo appena al 23 giugno». Le comproprietà sono state appena risolte con soddisfazione visto che gli obiettivi Bernardini e Piccolo sono stati centrati, e questo è il momento di una prima valutazione del materiale umano e tecnico attualmente in mano a Nicola. La prossima settimana la società inizierà a setacciare il mercato alla ricerca degli elementi che possano completare la rosa.