Gli "Indipendenti per Pistoia" si presentano

PISTOIA «Puntiamo a pescare nel partito degli scontenti, dei tanti cittadini che non hanno più fiducia nei partiti». Francesca Bardelli, consigliere comunale Pdl uscente, spiega così la nascita della lista civica "Indipendenti per Pistoia". Non una scelta politica forte, attorno ad uno o più idee-cardine, ma la voglia di promuovere la partecipazione dal basso verso la politica. A promuoverla sono stati lei e Maurizio Gestri, ex consigliere comunale di Ccd e Forza Italia. Desta quindi qualche ovvia curiosità vedere questa lista tra quelle che sostengono il candidato sindaco del centrosinistra Samuele Bertinelli. «Avevamo anche pensato ad un nostro candidato sindaco – spiega Bardelli – ma bisogna riconoscerlo, non ne abbiamo la forza. Allora ci siamo guardati attorno e, tra i candidati in campo, Bertinelli ci è sembrato la scelta più giusta». Il candidato del centrosinistra «è competente, ha manifestato la volontà di un cambio effettivo della classe dirigente a tutti i livelli, ha stilato un programma di mandato coerente e responsabile» aggiunge Gestri. In effetti la lista conta quasi solo persone estranee alla politica. Tra i volti noti, la preside del liceo artistico Elisabetta Pastacaldi, il segretario dell'Associazione produttori del verde Renzo Benesperi, l'ingegner Maurizio Zuccherini, coordinatore provinciale di "Io amo l'Italia", l'associazione che organizzò la raccolta di firme contro l'ipotesi di un cimitero islamico in città. Ma perché Bardelli, consigliere comunale uscente, non si è ricandidata? «Avendo avuto esperienze politiche, avrei snaturato la lista» risponde. E allora Umberto Civinini, consigliere uscente dei Laici-riformisti? «Non ha mai avuto – replica Bardelli – tessere in tasca, a differenza di me, e venne eletto con una lista civica». (f.cl.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA