La Fortis promuove Skana, moto perpetuo del centrocampo

LUCCA.Piccolo di statura, grande in mezzo al campo. Giovane di età, ma coraggioso come un veterano che vanta anni di categoria alle spalle. Sebastiano Skana è il volto nuovo della Fortis Lucchese. Non è un caso che il compagno di reparto Mario Ausoni, dodici anni più di lui e tanti campionati giocati in D ed Eccellenza, lo ha definito giocatore dotato di "Cazzimma". In dialetto napoletano il termine significa letteralmente "rosicare come un castoro". Tradotto in linguaggio calcistico avere grinta e determinazione nell'aggredire gli avversari. La sua abilità nella corsa gli permette rapidità nel pressing e capacità nel tentare la ripartenza. Altra caratteristica che Sebastiano Skana ha mostrato di avere in questo primo scorcio di stagione è la duttilità tattica: Pierini lo ha impiegato interno sinistro in un centrocampo a tre, esterno di fascia in un 4-4-2 o attaccante esterno con compiti di rientro per proteggere la sua difesa in fase di non possesso palla.
Dice di lui mister Paolo Pierini: «Deve migliorare ancora tatticamente: con il lavoro sodo e tanta applicazione durante gli allenamenti ha grandi margini di miglioramento».
La promozione di Skana in prima squadra, conferma l'ottimo lavoro del settore giovanile della Fortis Lucchese, che in prima squadra ha tutti Under prodotti dal proprio vivaio, con i quattro'94 utilizzati (Skana, Tempesti, Del Bianco e Fanti), tutti protagonisti con gli Allievi regionali della passata stagione, allenati da mister Vito Graziani, ex calciatore di A e B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michele Citarella