Sui campi dello Sporting gioca la solidarietà Un successo l'asta-vip

MONTECATINI. Una grande festa dello sport all'insegna della solidarietà. La 24 ore di tennis organizzata dallo Sporting Club Madras di Montecatini è iniziata nel migliore dei modi, registrando un vero record di iscrizioni. La sfida lunga 24 ore tra le due squadre, i gialli e i blu, si è svolta dal tardo pomeriggio sui campi dlel'impianto di via Ponte dei Bari, che hanno ospitato il lunghissimo match a scopo benefico.
Sulla terra rossa si sono presentati tennisti di tutte le età: dai giovani allievi dello Sporting agli inossidabili over 60, senza dimenticare i molti amanti di questo sport che hanno colto l'occasione al volo per impugnare la racchetta cercando di emulare le gesta e i colpi dei campioni dell'Atp.
La "maratona" tennistica è stata inaugurata dal sindaco di Montecatini, Giuseppe Bellandi, che ha ricordato la finalità dell'evento. «Questa è un'iniziativa molto bella, che unisce sport e solidarietà. L'evento fa da veicolo ad un grande messaggio sociale, contro i tumori serve una lotta dura e senza paura». La non stop tennistica è stata poi impreziosita dall'asta benefica serale durante la quale ha messo in palio molti oggetti donati da personaggi famosi. La maglia della Roma autografata da Totti, una foto autografata di Del Piero, la maglietta di Francesca Schiavone e un libro del giornalista sportivo Gianni Clerici gli oggetti che hanno accesso la serata raccogliendo l'entusiasmo e l'attenzione dei presenti.
Soddisfatto il presidente del circolo, Alberto Bandini, orgoglioso di veder crescere questo evento che ogni anno "lievita" a livello di numeri e di iniziative collaterali. «È un'iniziativa che è nata per gioco - spiega il presidente del circolo - quest'anno abbiamo cercato di aggiungere qualcosa di importante per raccogliere più soldi possibile da devolvere alla causa della lotta ai tumori».
Finita l'asta la notte è stata animata ancora da molte altre partite, con i campi letteralmente presi d'assalto dai giovani e dagli evergreen che non hanno saputo resistere alla tentazione di un match a notte inoltrata, con la luna a fare da tifosa. I temerari che hanno fatto le ore piccole sono stati premiati con una spaghettata alle due mentre i più coraggiosi, quelli che hanno resistito fino all'alba, hanno recuperato le energie con bomboloni e cornetti caldi. La festa dello sport e della solidarietà continuerà oggi fino alle 19, quando il tabellone dei match sarà finalmente completo e verrà decretata la squadra vincitrice della seconda edizione della 24 ore di tennis.

Federico Guidi