A Collesalvetti la riscoperta di Martinelli il pittore livornese amico di Modigliani

COLLESALVETTI.Alla Pinacoteca Servolini fino al 30 gennaio la mostra "Manlio Martinelli (1884-1974). Un amico di Modigliani alla Scuola di Guglielmo Micheli" promossa dal Comune di Collesalvetti, in collaborazione con la Casa Editrice Benvenuti & Cavaciocchi. La rassegna, curata da Francesca Cagianelli, costituisce una tappa importante nell'ambito della riscoperta scientifica dell'artista oscurato da decenni.
Di lui lo stesso Servolini diceva: «Un pittore c'è che di tutti si frega, fa cosa vuole e mai è comandato: è Martinelli e con nessun fa lega».
Ed è proprio questa autonomia, ai limiti dell'isolamento, l'elemento che racconta meglio la tempra e la vocazione del livornese Martinelli, pittore dai toni soffusi, amico intimo di Amedeo Modigliani e proiettato verso le atmosfere simboliste di Eugène Carrière.