Dalla Social Card all'energia scontata

Ecco, in sintesi, le principali agevolazioni a disposizione dei meno abbienti con le relative scadenze: oltre alla famosa Social Card, l'attenzione in questo momento è focalizzata soprattutto sul Bonus Famiglia e sul cosiddetto Bonus Energia.

  • Bonus Energia.Serve per aiutare le famiglie a pagare le bollette, appunto energetiche, come quelle dell'elettricità e del gas. Le domande, per le quali ci sono molte richieste di informazioni pressi i vari Caf della regione, vanno presentate entro il 31 marzo per l'anno 2008. Gli interessati devono calcolare l'Isee (Indicatore sociale economico equivalente), che deve essere al di sotto dei 7.500 euro all'anno. Lo sconto previsto, anche se non sono ancora chiare le modalità di applicazione (riduzione diretta, restituzione o magari conguaglio a fine anno), è di 60 euro per le famiglie composte da 1-2 persone, 70 per 3-4, 135 oltre quet'ultimo numero. Per il 2009 l'importo deve essere ancora quantificato.
  • Bonus Famiglia.Si tratta di un contributo una tantum per lavoratori dipendenti e pensionati che oscilla tra i 200 e i mille euro a seconda del reddito (il massimo è comunque 35mila euro) e della composizione del nucleo familiare. Può essere richiesto in base al reddito 2007 o 2008. Nel primo caso il termine per la domanda è il 28 febbraio, data in cui deve avvenire l'erogazione (marzo per i pensionati). Per chi lo chiede invece in base al reddito 2008, la scadenza è il 31 marzo e l'erogazione avviene entro il 30 aprile (il mese dopo per i pensionati).
  • Social Card.E' atteso in tempi speriamo brevi un provvedimento che proroghi alla fine di febbraio la possibilità di attivare la Social Card, ottenendo anche i 120 euro di ricarica relativa agli ultimi tre mesi del 2008. Ai titolari spetta una ricarica bimestrale di 80 euro. Ricordiamo che possono ottenerla gli over 65 e le famiglie con bambini di età inferiore ai 3 anni, naturalmente con alcuni requisiti: tra questi, il reddito Isee inferiore ai 6mila euro.
    S.B.