Danilevicius e Giallombardo in partenza per Grosseto

GROSSETO.Chissà se sono rimasti delusi o soddisfatti (e da quali presenze o assenze) i trenta e passa tifosi che ieri pomeriggio hanno assistito - sfidando la tramontana - al primo allenamento del Grifone dopo le vacanze di Natale. Tutti presenti meno i tre stranieri Cordova, Pichlmann e Valeri. Guanti e cappellini per i più freddolosi, in 18 agli ordini di Gustinetti hanno effettuato giri di riscaldamento e plateau. Poi l'assegnazione delle maglie e via con la partitella in metà campo. Con i rossi Acerbis, Moring, Porchia, Freddi, Garofalo, Vitiello, Mora, Carparelli (lieve infortunio senza conseguenze) e Sforzini. Tra i gialli Caparco, Innocenti, Stendardo, Abruzzese, Federici, Gessa, Consonni e Sansovini. Gol, movimenti, applausi.
Venendo ai tempi del mercato, cominciamo col parlare della situazione che riguarda l'attaccante lituano del Livorno, Thomas Danilevicius. Il suo agente, Giocondo Martorelli, così commenta le voci circa un possibile ritorno in Maremma del suo assistito: «Diciamo che la volontà primaria del giocatore, è quella di rimanere al Livorno, ma nel caso di una cessione è chiaro che Grosseto e il Grosseto sono al primo posto nella nostra considerazione, anche perché lo scorso anno ci siamo trovati molto bene». Le indiscrezioni confermano che il ritorno di "Danilo" in biancorosso è molto probabile. Anche perché oltre a Sforzini (Avellino, ma anche Salernitana, interessate), potrebbe partire anche l'austriaco Pichlmann. E resta ancora aperta l'ipotesi del difensore Grandoni, parlando sempre del Livorno.
Non trovano alcun riscontro invece le voci provenienti dalla Campania che vorrebbero ancora la Salernitana, questa volta interessata ai servigi di Cordova. Il cileno, lo ricordiamo, è giunto in biancorosso con il contratto per una sola stagione e l'opzione per il secondo. Simile alla situazione di Danilevicius, quella di Andrea Giallombardo. Anche per lui Ascoli è la volontà primaria, ma, nel caso di una partenza dalle Marche, l'esterno sinistro tornerebbe volentieri e pieno di motivazioni al sole della Maremma. Del resto, si tratterebbe di un "usato" più che sicuro, nella sostituzione di Garofalo sulla corsia di sinistra. Questione portiere: sempre in piedi la soluzione Pegolo.
Pierluigi Sposato e Paolo Franzò