Livorno, due diamanti di Diamanti valgono il pareggio ad Ancona


ANCONA. Hanno spostato di qualche chilometro Mirabilandia e non ce l'avevano detto. Si paga 10 euro e ti diverti come un matto. Spettacolo offerto e realizzato da Ancona e Livorno, con Diamanti showman: si torna a casa con qualche schizzo d'acqua, la gioia di aver visto una bella partita e un punticino. È finita 2-2, con rimonta e controrimonta, errori e gioielli. Di tutto di più. Ma per il Livorno va bene così.
È vero, dopo il primo gol dello strepitoso Diamanti un piacevole brivido è scivolato sulla schiena degli amaranto, un brivido lungo tre punti. Ma l'Ancona ha mostrato cuore e artigli, recuperando in un amen.
Quel rigore.Le avvisaglie di una partita-show ci sono state tutte sin dall'inizio. L'episodio per cambiare il volto alla partita è comunque arrivato al 28', in un frangente nel quale il Livorno dominava. Ma un errore nel disimpegno di Miglionico ha spalancato un autostrada a Nassi, volato tutto solo verso De Lucia. L'attaccante dell'Ancona si è trovato davanti De Lucia uscito alla disperata, ha tentato di dribblarlo ma è crollato a terra. Rigore? La prima sensazione era quella, tant'è che sulle tribune esultavano di già. Tozzi, l'arbitro, è andato in confusione. Ha indicato un po' il dischetto, un po' il punto dove era caduto Nassi, poi ha avuto l'illuminazione: niente rigore. Mani nei capelli per Nassi, mentre De Lucia zitto e veloce è andato a battere la rimessa dal fondo.
Le scintille.Ma il luna park doveva ancora aprire. E, a inizio ripresa, nel giro di due minuti è successo di tutto. Primo un gol di Diamanti "alla Diamanti", sinistro da 20 metri che ha sverniciato il portiere, regalando al Livorno la grande illusione.
Ahinoi è stato uno di quei sogni che muoiono all'alba. Il tempo di mettere palla al centro e dopo poco è arrivato il rigore per l'Ancona (mano di Perticone), trasformato dal solito Mastronunzio.
Il buio.E qui è arrivato il quarto d'ora più nero della partita per il Livorno. Ancona indemoniata, amaranto pronti a ripartire ma quasi sempre in apprensione. E al 27' ecco il pugno in pieno volto. Palla in mezzo all'area, Nassi ha preso posizione su Perticone si è girato (grave errore del difensore...) e da due metri ha trafitto De Lucia.
Il diamante.Stesso film di Empoli, insomma. Piccola differenza: stavolta c'era un Diamanti strepitoso. E così 2' dopo ecco il gioiello: angolo per gli amaranto, Diamanti ha preso con cura la palla quasi fosse un neonato, se l'è piazzata sulla bandierina, sinistro a girare e sfera che ha superato il basito Sirigu.
Battaglia.2-2, ci stringiamo la mano e ci riposiamo? Macchè, la partita ha continuato a confezionare emozioni, cambi di fronte, mai uno sbadiglio. E alla fine il pareggio è stato il risultato più giusto. Tant'è che al fischio finale ci sono stati applausi per tutti.
Due pareggi consecutivi in trasferta, due vittorie consecutive in casa. Ci mettiamo la firma ad andare avanti così, no?.

dall'inviato Alessandro Bernini