Granozi più vicino alla maglia azzurra

CARRARA. Decolla l'ipotesi del ritorno di Giuseppe Granozi in maglia azzurra. Il responsabile dell'area tecnica Rino Lavezzini infatti vede di buon occhio il giocatore, ma chiaramente le parti si dovranno incontrare e trovare un accordo che comunque sembra possibilissimo. Granozi infatti corrisponde all'identikit fatto dalla società, che nei giorni scorsi ha fatto chiaramente intendere di cercare un regista dai piedi buoni, esperto, che sappia anche fare il leader. Tutte qualità che "Sinisa" (così chiamato per le grandi doti sui calci da fermo) possiede perfettamente. Ma è chiaro che Lavezzini sta battendo pure altre strade ed è deciso a concludere un affare entro domani. Se però il colloquio con Granozi andrà bene già oggi potrebbe arrivare l'accordo. L'alternativa possibile è Maschio.
Ieri il giocatore ha ribadito il suo pensiero: «Sarebbe un sogno tornare - ha affermato Beppe Granozi- ma è la società chiaramente che decide. Fra l'altro stamani ho ricevuto numerose chiamate da parte dei ragazzi della curva che erano entusiasti dell'idea che potessi rigiocare con la Carrarese. Fa piacere quindi essere rimasto nel cuore dei tifosi anche a distanza di molti anni. Quindi che dire, speriamo in bene. Tra l'altro so che a Carrara c'è ancora una figura come Walter Devoti, il direttore con la D maiuscola e poi il grande Giampaolo Pinna, con cui ho giocato assieme». Granozi è legato a quella fenomenale punizione con cui bucò il "Puma di Baires" Hugo Rubini a Spezia: una prodezza balistica che tutti ricordano alla grande. Fu anche l'ultima volta in cui la Carrarese espugnò l'Alberto Picco.
«So che Granozi - dichiara Rino Lavezzini- è un bel giocatore e le sue qualità non si discutono. Ma bisogna vedere molti aspetti, tra cui il suo ingaggio. Stiamo comunque battendo numerose piste, molto interessanti e credo che entro domenica qualcosa verrà fuori».
Nomi ne circolano e in giro ce ne sono: l'interesse per Antonio Maschiodella Reggiana era stato smentito dalla società, ma adesso il suo nome pare essere tornato in auge. Esclusi Tatomir e Ausoni («Non ci interessano» ha ribadito ieri Lavezzini) un giocatore che potrebbe fare al caso della Carrarese è Davide Cangini, classe '74 ex Castel Di Sangro, Reggiana e Cisco, attualmente svincolato. Ma non è escluso che si guardi pure ad alcuni giocatori di Prima Divisione.
Intato il presidente Fabio Oppicelliparla un po' di tutto, a cominciare dal mercato.
Presidente, il mercato in entrata non è chiuso?
«Certo che no, ma se si vuole intervenire bisogna farlo nel modo giusto. Abbiamo già acquistato un pezzo da novanta, cioè Bonfanti, che se sta bene può fare la differenza anche in prima divisione. Il mister lo ha valutato attentamente e alla fine tutti abbiamo capito che era l'uomo giusto. Adesso interveremmo sul reparto mediano, andando alla ricerca di un giocatore che realmente ci serva. Cerchiamo infatti uno in grado di farci fare la differenza, di aggiungere un tocco di classe in più a questa squadra. Può essere un esperto oppure un giovane fortissimo. Ci stiamo guardando intorno e qualcosa faremo. Certo, abbiamo dei giovani a centrocampo che rischierebbero di non trovare spazio: può essere quindi che qualcuno di essi vada in prestito per giocare di più».
Arriverà anche un portiere, oppure si rimane con Dessena e Giarnera?
«Non mi sembra che Dessena abbia commesso errori gravi. E poi una papera può capitare anche a Buffon. Non credio quindi ci sia l'esigenza di comprare un estremo difensore. Poi ripeto, il mercato chiude il 31 Agosto».
E il girone. Cosa ne pensa?
«Per me un raggruppamento vale l'altro. Una corazzata come il Bassano c'è in tutti i gironi. Noi vogliamo essere la sorpresa e abbiamo i mezzi per conquistare un posto d'onore, in alta classifica. Non abbiamo di certo fatto sacrifici per costruire una squadra da campionato mediocre».
Sulla gara di Coppa persa a Santa Croce parla invece l'amministratore delegato Andrea Borghini: «La Carrarese vista mercoledì - afferma - non è quella che si vedrà in campionato. Eravamo stanchi, il mister infatti ha fatto svolgere duri carichi di lavoro nei giorni precedenti che serviranno più in là. Il nostro obbiettivo è fare bene dal 31 agosto in poi. Il mercato? E' arrivato Bonfanti, che se sta bene fa la differenza anche in serie B. Guardiamo adesso di trovare un centrocampista di qualità».
Intanto lunedì alle 18 presso la Pro Loco di Marina vi sarà una conferenza stampa di presentazione della gara tra la Nazionale Sindacie la Selezione artisti Tv, prevista il 28 Agosto alle 21 ai Quattro Azzurri Olimpionici. E' aperta quindi la prevendita: il prezzo d'ingresso è di cinque euro, la finalità della sfida è di beneficenza.