«Voglio ripagare la fiducia»

EMPOLI.L'esterno Gianluigi Bianco, classe 1989. E' lui il nuovo rinforzo dell'Empoli di Silvio Baldini. Finalmente la tanto attesa alternativa a Vittorio Tosto sulla fascia sinistra è arrivata. Una trattiva lunga quella per il prodotto del vivaio della Sampdoria, durata per tutto il mese di luglio. Poi, ieri mattina, l'atteso arrivo in città. Bianco, reduce dalla vittoria del campionato e della Coppa Italia con la Primavera doriana, disputa il primo allenamento coi nuovi compagninel pomeriggio. Poi le prime parole da azzurro.
Bianco, finalmente il suo arrivo ad Empoli...
«Direi proprio di sì. La trattiva col club azzurro è stata lunga ma alla fine abbiamo trovato un accordo che si è concretizzato proprio ieri mattina e mi rende contento al 100%. Ringrazio l'Empoli per la fiducia. Io sono qui per dare tutto, mi piacerebbe diventare qualcuno per questa città».
Che impressioni del primo giorno empolese?
«Positive, ma lo sapevo. Beh, ancora non posso pretendere di conoscere la squadra, eccetto Francesco Flachi che proviene come me dalla Samp, ma l'aria che si respira mi sembra davvero buona. Di Empoli ho sempre sentito parlare un gran bene».
Cosa si aspetta dalla sua stagione?
«Io provengo in sostanza dalla categoria Primavera. Il salto fino alla B è stato grande e, confesso, l'emozione certo non manca. Credo che alla mia età l'importante sia entrare sempre in campo con l'impegno e l'umiltà giusta. L'Empoli è una squadra che ha tanti giocatori d'esperienza e, come tali, vanno rispettati. Le speranze sono banali a dirsi: mi aspetto un campionato il più possile all'altezza della fiducia che la società mi ha dimostrato. D'altronde so che cercava un esterno di qualità. Comunque sarò disponibile a giocare in qualsiasi posizione mister Baldini decida di farmi giocare. Del mister ho molto rispetto, lo reputo un grande allenatore».
Bianco ha già scelto anche la maglia: avrà il numero 63.
Filippo Cioni