Virga, un romano de Roma per Roselli

GROSSETO. Altra giornata intensa quella di ieri per il Grosseto impegnato sul mercato. Molte le cose messe a posto. Depositato il contratto di Paulo Sergio Betanin (Paulinho) che arriva dunque a Grosseto in prestito dal Livorno. Definito il sì del difensore Abruzzese che si lega al Grifone addirittura con un triennale. Così come anche per Lazzari c'è il prestito di un anno da parte dell'Atalanta. Il nome nuovo della giornata è quello di Valerio Virga (lo scorso anno alla Roma) che da oggi sarà a disposizione del tecnico Giorgio Roselli nel ritiro di Santa Fiora.
Centrocampista di destra, romano (de Roma) di 181 cm, classe 1986, Virga ha esordito in serie A il 10 aprile 2005 in Udinese-Roma 3-3. Vanta complessivamente 10 presenze nella massima serie. Cresciuto nella Roma, ha debuttato anche in Champions League e segnato un gol (alla Triestina) in Coppa Italia. Virga in pratica viene a colmare il vuoto lasciato dal no di Missiroli. A un passo dalla soluzione anche la questione legata al secondo portiere che a questo punto, salvo altri colpi di scena, dovrebbe arrivare Andrea Pinzan, lo scorso anno al Perugia. Classe 1979 di Montagnana (Padova), Pinzan vanta 3 stagioni in B con la maglia della Triestina.
Chiuso definitivamente il discorso per Concetti, così come per Catinali, con il quale è mancato l'accordo per il rinnovo del contratto. Saluta il Grosseto anche Andrea Ghidini, annunciato ufficialmente dalla formazione alto atesina del Sud Tirol che lo scorso anno già aveva prelevato Bianchini dal Grosseto. Ghidini raggiungerà i nuovi compagni oggi, nel ritiro sul Lago di Carezza.
Per quanto riguarda Barbagliinvece, ieri sera permanevano alcune perplessità da parte del giocatore, molto legato all'Arezzo dove è cresciuto e dove ha sempre giocato. Ma la trattativa potrebbe avere una soluzione positiva già nelle prossime ore. Intanto la squadra continua a sudare al campo sportivo di Santa Fiora. Doppia seduta anche ieri; al mattino parte atletica e al pomeriggio il lavoro con il pallone. Buone le condizioni di tutti quanti. Soddisfatto Roselli che si ritrova in mano, ogni giorno di più, una squadra di ottima levatura, anche se il numero dei giocatori comincia ad essere un po' troppo abbondante.
Adesso l'attenzione della società si sposta soprattutto sul mercato in uscita, con la necessità di ridurre sensibilmente numero di giocatori e contratti a carico. Operazione tutt'altro che agevole, anche se non mancano le richieste per i giocatori maremmani (soprattutto per i migliori che però la società considera incedibili). Mercato che, è bene ricordarlo, chiuderà solo il 31 agosto.
Paolo Franzò