Pozzi sicuro: «È l'anno della rinascita»

EMPOLI. Anno nuovo vita nuova. Lo spera Nicola Pozzi, che messo alle spalle una seconda parte di 2006 in ombra, da sabato cercherà di rispolverare quei colpi che hanno convinto Corsi e Vitale ad investire tanto su di lui in estate. Per la precisione 750mila euro, che sono serviti per acquistare la comproprietà del cartellino dal Milan. Il centravanti romagnolo, contro il Parma, tornerà a giocare titolare dopo oltre 3 mesi.
Lo farà in coppia con Saudati, come in una partita che l'ex attaccante del Cesena ricorda molto bene. «Da quello che abbiamo visto negli ultimi allenamenti - dice Pozzi - dovrei tornare a giocare dal primo minuto e sono contento di farlo al fianco di Saudati. Abbiamo giocato in tandem contro il Palermo, in una delle gare più esaltanti della stagione».
Dopo quella partita è stato schierato dall'inizio all'Olimpico contro la Roma, poi solo 7 apparizioni dalla panchina. Cosa è successo?
«Ho fatto i conti con dei problemi fisici e spesso, quando sono stato chiamato in causa, ho dovuto preoccuparmi di fare bene la fase difensiva. Ma soprattutto mi è mancata la continuità nel giocare. E sappiamo tutti che per ritrovare la gamba giusta servono almeno 4 o 5 partite di fila».
Dunque, cosa chiede al 2007?
«Di avere più spazio. Di avere quella possibilità che è stata data ad altri. E sono sicuro che giocando tornerò anche a segnare».
Le manca scuotere la rete?
«Certamente. Non faccio gol ufficialmente dal 19 marzo scorso (Empoli-Reggina 2-0, ndc) e non potete immaginare quanta voglio ci sia dentro di me di tornare ad esultare».
Risolto il problema sul perone?
«Ho quasi concluso la terapia, ma senza dubbio mi sento bene. Ho grandi progetti per il nuovo anno e spero di iniziarlo alla mia maniera.».
Con un gol importante?
«Ci proverò. Ma ripeto: vorrei avere la possibilità di esprimermi con maggiore continuità. Solo così posso dimostrare il mio valore e tornare il Pozzi intraprendente dei primi mesi del 2006».
Insomma, potrebbe essere lei il "rinforzo" di gennaio.
«Qualcosa di buono ho fatto anche da settembre ad oggi. So bene che posso dare molto di più ed ora che ho ritrovato brillantezza nella corsa credo di poter centrare prestazioni importanti. Sarebbe bello voltare pagina già dalla partita di sabato contro il Parma».