Si complica la caccia al terzino


EMPOLI.Operazioni secondarie in porto, quelle più importanti che sfumano o diventano difficili. L'Empoli, tanto per cambiare, non ha vissuto una giornata particolarmente allegra. Il pesante tonfo interno con il Parma, infatti, è stato seguito da una giornata di mercato che prometteva la montagna e ha partorito il topolino.
NIENTE WOME.La prima brutta notizia è arrivata dall'Inter: nel posticipo di Lecce si è infortunato Favalli e la società di Moratti ha tolto Womedal mercato. Niente da fare, insomma, per gli azzurri che volevano il camurenense per colmare la falla sulla corsia di sinistra e avere un jolly importante anche per impiegarlo a centrocampo. Coi nerazzurri resta in piedi il discorso Maxwell. Nel senso che i lombardi hanno bisogno di "parcheggiare" il brasiliano preso dall'Ajax e hanno ribadito la richiesta di disponiblità agli azzurri che possono tesserare un extracomunitario. L'Empoli, incassato il no per Wome, ha preso tempo fino a questa mattina e chiesto, in cambio, il pagamento del disturbo in euro.
NIENTE SCAMBIO.Sempre in mattinata, poi, Bonettoha ribadito il suo no all'Ascoli, facendo chiamare direttamente la società marchigiana da uno dei suoi rappresentanti. E, a questi patti, i bianconeri non vogliono cedere Tostoagli azzurri. Un'altra pista che si chiude, insomma, anche se un piccolo spiraglio in questo senso resta aperto e potrebbe portare a qualcosa di concreto oggi (i dettagli sono approfonditi in un altro articolo).
NIENTE CASTELLINI.Nel tardo pomeriggio, poi, anche l'opzione Paolo Castelliniha ricevuto un colpo mortale. In questo caso ci sarebbe la disponibilità a trattare, ma in termini poco proponibili. O meglio, il Betis sarebbe disposto a cedere l'ex terzino del Torino, ma solo con un prestito pagato caro. Operazione a cui gli azzurri potrebbe dire di sì. Il giocatore, invece, vuole venire via definitivamente dalla Spagna e, soprattutto, vuole un contratto triennale a 500mila euro netti a stagione. E qui il discorso cambia. E parecchio. Un ingaggio del genere, infatti, non è assolutamente proponibile perché graverebbe troppo e troppo a lungo sul bilancio e perché creerebbe anche problemi di equilibrio nello spogliatoio.
IL MISTERO.Insomma tre piste sfumate, o quasi. Eppure il dg Vitale, nel tardo pomeriggio di ieri, non si era ancora arreso. «Abbiamo un buco sulla sinistra - ribadiva - dobbiamo rimediare e rimedieremo». Già, ma come? Ed è qui che entrano in gioco le nuove voci. Quelle che vorrebbero gli azzurri impegnati a scandagliare il mercato straniero, con un paio di obiettivi da inseguire per tutta la notte. L'eventuale responso, però, è atteso per oggi.
I PORTIERI.Ieri, è stata conclusa una doppia operazione sui portieri: Cassano, come previsto, è stato riscattato dal Piacenza per 350mila euro. E l'Empoli si è garantito i prossimi anni facendo altrettanto con Davide Bassi, della Massese (dove resterà in prestito fino a giugno) per 100mila euro.
IL RINVIO.Rinviata, invece, la cessione di Gasparettoal Verona. I due club sono d'accordo, il giocatore e gli scaligeri no perché la Ternana offrirebbe più soldi all'attaccante. Anche in questo caso sarà decisiva la giornata di oggi.
IL CENTROCAMPO.L'ultima novità riguarda il centrocampo: l'Arezzo vuole Matteo Serafinie l'Empoli potrebbe anche darglielo. Soltanto, però, se troverà un mediano di scorta sul mercato.

David Biuzzi