Nel Valli Aretine l'autografo di Moi

RIGUTINO (Arezzo). Con partenza dalla splendida Sansepolcro ed arrivo a Rigutino, alla periferia sud di Arezzo, si è disputato il 46º giro delle Valli Aretine, gara internazionale per elite e under 23 organizzata dall'Uc Aretina chiamata a gestire nel giro di una ventina di giorni due grandi avvenimenti. Questo appena superato e vinto splendidamente dall'ex tricolore della cronometro Gianluca Moi sul compagno di fuga Barotti.
Il prossimo 17 luglio, invece, la vecchia e gloriosa società di Arezzo organizzerà il Giro del Casentino, ovvero la più vecchia gara per dilettanti che si corre in Italia.
Ma veniamo a questa edizione del Giro delle Valli Aretine che ha visto iscritti 191 atleti, dei quali 145 hanno preso il via. Con la fiammante maglia tricolore appena conquistata sul traguardo di Notaresco tra gli under 23 anche il laziale di Frascati Adriano Angeloni, portacolori del team valdarnese Futura Matricardi guidato dall'ex professionista Franco Chioccioli. Ma dopo la fatica del giorno precedente era scontato che il neo campione italiano fosse presente alla partenza più per un atto di cortesia verso gli organizzatori che per esserne poi protagonista. Infatti il tricolore abbandonava dopo non molti chilometri mentre i grandi protagonisti della competizione che ha visto al via anche due rappresentative straniere si rivelavano il sardo Moi con la casacca della Palazzago Vellutex e già ampiamente conosciuto dagli sportivi toscani ed il massese Barotti portacolori del gruppo sportivo Ginestra ceramiche il Gabbiamo, società che guidata da Loris Salvestrini e dall'ex professionista Filippo Casagrande ha conquistato un brillante secondo posto. Nel finale infatti i due atleti hanno staccato tutti e con un perfetto accordo hanno raggiunto il lungo rettilineo di arrivo a Ricutino. Dove Moi, ex tricolore della cronometro individuale, ha ottenuto la vittoria nei confronti di Barotti.
Due splendidi protagonisti che meritano di salire sui gradini del podio di questa competizione così come lo merita un altro massese, Bonuccelli, campione toscano toscano under 23 che ha conquistato a meno di 1' la terza piazza. E questi due atleti massesi li rivredemo sabato prossimo a Venturina in provincia di Livorno dove si disputerà il campionato regionale elite e Under 23. Tra i protagonisti di questa prova anche Mirenda e Ciccarese che hanno concluso ai primi posti una corsa condotta a notevole andatura in una giornata estremamente caldo con temperatura attorno ai 35º.
Selezione inevitabile tantissimi i ritiri e distacchi pesantissimi per molti atleti in gara. Tra questi ultimi ancora una lode per il livornese Di Batte, figlio del noto pittore ed artista livornese Gio, che si è classificato al 9º posto dopo la vivacissima e generosa prestazione offerta il giorno prima nel campionato italiano under 23 siglato da Angeloni.
Un Giro delle Valli Aretine splendidamente organizzato dall'Unione Ciclistica Aretina del presidente Magi con Abetoni e Lombardi in cabina di regia e che ha confermato come questa corsa meriti un primo posto nel calendario internazionale per la bellezza del percorso, la sua validità dal lato tecnico e che ha offerto uno spettacolo indimenticabile alla presenza di tantissimi appassionati.
Antonio Mari Ordine di arrivo1) Gianluca Moi (Palazzago Vellutex) km. 155 in 3h 55'24" alla media di 39,728; 2) Alessandro Barotti (Ginestra Ceramiche il Gabbiano) st; 3) Davide Bonuccelli (Maltinti Solgomma) a 58''; 4) Gianluca Mirenda (Finauto); 5) Fabio Ciccarese (Mauro Mancini); 6) Milani; 7) Maisto; 8) Hamberti a 1'30"; 9) Di Batte; 10) San Vito.