Non bastano agonismo e voglia di combattere

PISA. Prevale una certa amarezza nelle dichiarazioni dei nerazzurri nel dopo partita. Una gara condotta spesso dal Pisa che, però è stato ben contenuto dagli arancioni. Anzi gli ospiti hanno sfiorato il colpaccio con una punizione dell'ex Frau, miracolosamente parata dal portiere Christian Puggioni. Il numero uno, nel salvare il risultato è andato a sbattere nel palo. Tra l'occhio e l'orecchio sinistro si nota un vistoso rigonfiamento: «Quando ho visto entrare Frau ho pensato proprio al gol dell'ex. Spesso capitano questo tipo di beffe». Inoperoso per tutta la gara, all'improvviso chiamato in causa...
«Bisogna sempre tenere alta la concentrazione».
Un Pisa che però non ha demeritato, anzi...
«Sotto il profilo agonistico abbiamo meritato di più, grande agonismo e voglia di combattere.
La Pistoiese aveva ed ha più punti di noi, ma sul campo non si è visto. Però il calcio è anche questo, a volte è più facile, altre volte meno».
Conviene darlo uno sguardo alla classifica?
«Davanti vanno a mille, noi ci chiediamo se possono durare così fino alla fine. Noi cerchiamo di far più punti possibile, poi vedremo».
All'esordio in campionato il giovane Massimiliano Riccio.
«Sono contentissimo di questo esordio e ringrazio il mister. Un pareggio che ci sta stretto, ma avevamo anche molte assenze».
Il tuo ruolo è quello di esterno?
«Si, ma in Berretti gioco sulla destra. Con Iaconi ho giocato a sinistra e devo dire che mi trovo molto bene, posso accentrarmi e provare il tiro con il destro».
Nel primo tempo una grossa occasione era capitata sui piedi di Mirko Ventura: «Peccato, non ho avuto la giusta freddezza. Non ho neanche visto compagni in area.
Devo dire che comunque un piccolo contatto c'è stato. Dispiace perchè se avessi fatto gol, sarebbe cambiata la gara».
Infine due difensori. Marco Ogliari vede il bicchiere mezzo pieno.
«Abbiamo dato il massimo e questo ci conforta. Ci abbiamo provato ma non sempre si può vincere. Andiamo a Como per fare risultato, anche se non sarà facile».
Massimo Melucci non vuol parlare di resa.
«Finchè c'è vita c'è speranza. Noi vogliamo giocarcela fino all'ultimo. Abbiamo la voglia di provarci, con orgoglio e determinazione. Ci crediamo, il punto ottenuto non deve demoralizzarci».

Jadid verso la guarigione.Una buona notizia per Abderazak Jadid, vittima di un infortunio che sembrava molto grave nella partita Spezia-Pisa: il giovane attaccante pisano non dovrà essere operato.
Jadid è stato visitato ieri dal professor Giannini, appena rientrato dall'estero: Giannini, primario al S. Orsola di Bologna e uno dei più famosi ortopedici italiani (forse il più quotato in assoluto per i traumi del piede) ha visitato con attenzione il giocatore ed ha valutato che l'infortunio ai legamenti della caviglia non necessita di un intervento chirurgico come sembrava in un primo momento. Dunque fra tre settimane Jadid potrebbe essere a disposizione di Iaconi e tornare in campo per le ultime 7-8 giornate.
Polemica con la Rai.A fine partita un giornalista in sala stampa ha riferito di una polemica fra il commentatore di Raisat Sport Mario Facco e la proprietà del Pisa, delusa dalle valutazioni della tv di Stato. Il telecronista avrebbe espresso la volontà di non tornare più a Pisa.
Simone Martini