Il Prato perde un'altra occasione per risalire


COMO. Non va oltre il pareggio il Prato sul campo del Como. Ed è un pari che vale una sconfitta per i biancazzurri di Del Rosso che continuano a perdere il treno giusto per togliersi dalle sabbie mobili dell'ultimo posto in classifica. Sotto l'albero di Natale c'è un panettone che non è particolarmente dolce: il Prato gira l'anno con la maglia nera del girone.
Parte bene il Como che più che un gioco di squadra ha nelle iniziative dei singoli l'energia per spostare il baricentro del gioco nella metà campo del Prato. La prima vera occasione da gol è proprio dei lariani: grazie ad un fortunoso batti e ribatti, Carotti ha la possibilità di servire Parolo tutto solo nell'area piccola davanti a Layeni. La sua conclusione viene stoppata con una mano dal portiere pratese. Cresce anche il Prato e, vista la posta in palio, si comincia una girandola di capovolgimenti di fronte con occasioni a iosa da ambo le parti. La seconda più nitida è per il Prato che se al 14' vede Ouchene fermato con mestiere al limite dell'area grande da Di Fabio, su lancio di Serrapica, al 18' potrebbe andare in rete se solo Matri, che intercetta un retropassaggio di Pedotti, fosse più preciso nella conclusione. Squadre allungate e palla a terra ma, più passano i minuti e più il Prato sembra avere un unico nemico: le sue distrazioni e gli errori dei singoli. Nascono così le occasioni di Mariani e di Russo, due difensori che portatisi in avanti riescono a rendersi pericolosi con conclusioni che mettono in seria difficoltà Layeni.
Nella ripresa viene fuori la gioventù delle due formazioni. Si corre tanto ma si arriva sempre meno in area tiro. Le azioni da rete così latitano e la partita va avanti nella completa abulia. Boldini cerca di mescolare la carte: fuori uno spento Miftah e un inconcludente Parolo, dentro Ramora e Rosso. Ed è proprio quest'ultimo a riaccendere la partita con una conclusione dal limite dell'area che avrebbe meritato miglior fortuna che perdersi a fil di palo.
Del Rosso corre ai ripari, fuori Morfeo e dentro Chiopris che non si vedeva da oltre un mese per infortunio. Intanto Carotti, uno dei migliori nel Como, spara un diagonale che si perde di poco oltre il palo più lontano. Ancora lariani pericolosissimi con Rosso che, creduto in fuorigioco, può andar via in velocità incontro a Layeni all'uscita disperata. L'attaccante lariano riesce a crossare al centro ma Gambino non aggancia e a porta vuota l'azione sfuma.
Il calo dei biancazzurri è improvviso e vistoso. Del Rosso toglie Serrapica ed inserisce Francini: obiettivo difendere lo 0 a 0. Piccolo ci prova al 44' con una incursione personale ma la conclusione è di poco sopra la traversa. Punizione pericolosa del Como con Cigardi ma siamo in pieno recupero. Si lotta con tutto quel che si ha. Ed è davvero poco perchè una delle due formazioni riesca a far suo il match.
Il fischio finale trova il contropiede del Prato appena impostato ma è ormai troppo tardi. E i tifosi salutano con un coro lo scomparso Mattia Dal Bello prima di lasciare il Sinigallia infreddoliti e con l'ultimo grido contro Toccafondi. La contestazione non si ferma nonostante le fresche notizie su un possibile cambio di proprietà col gruppo Valore.

SANGIOVANNESE - PAVIA:2 - 1
SANGIOVANNESE:Tardioli, Bonadei, Nocentini, Scugugia, Caleri, Farris (15'st Bolzan), Stamilla, Tognozzi, Bongiorni, Baiano (36'st Scalise), Perrone (39'st Morelli). A disp. Adami, Calori, Morandini, Vespignani. All. Sarri.
PAVIA:Reggiani, Todeschini (35'st Ferrari), Macellari, Gorini, Cardamone (26'st Lunardini), Bandirali, Ceccarelli (14'st Gruttadauria), Papini, Ciullo, Sciaccaluga, Zizzari. A disp. Bressan, Colantoni, Rossetti. All. Torresani.
ARBITRO:Tommasi di Bassano.
RETI:2'pt Scugugia, 45'pt Sciaccaluga (rigore), 29'st Perrone.

dall'inviato Pasquale Petrella