A Buscemi la direzione del Persio Flacco

VOLTERRA. Andrea Buscemi è il nuovo direttore artistico del teatro Persio Flacco. Attore e regista pisano dal lungo e blasonato curriculum, Buscemi si è dichiarato entusiasta del prestigioso incarico «che mi mette alle redini artistiche di uno dei più suggestivi teatri della regione».
È stata l'Accademia dei Riuniti (gloriosa e storica istituzione creata a Volterra il 3 maggio 1820 per reggere i destini del massimo cittadino) a decidere un passo importante che, nelle intenzioni, mira a incrementare l'immagine artistica e professionale del teatro Persio Flacco.
Così all'unanimità, per la prima volta nella sua lunga storia, il seggio accademico presieduto da Piergiovanni Marchi ha decretato di continuare il proprio percorso affidando il teatro ad un uomo di spettacolo che non abbia bisogno di presentazioni.
Buscemi non è certo nuovo a certi tipi di incarico. Nel suo intenso percorso teatrale ha diretto, tra l'altro, varie strutture comunali (per giunta tutti teatri storici) tra cui il Poliziano di Montepulciano, gli Arrischianti di Sarteano, il Concordi di Acquaviva), il Vigilanti di Portoferraio (il famoso teatro fondato nel 1814 da Napoleone Bonaparte esule all'Elba), e da alcuni anni è anche membro del Collegio di indirizzo del Teatro di Pisa.
Andrea Buscemi sposa dunque ora l'impegno di direzione artistica del Persio Flacco in sinergia con l'Accademia dei Riuniti e con gli enti pubblici e privati che collaborano con la struttura. E che sono la Fondazione Toscana Spettacolo, la Primavera Musicale, la Fondazione e la Cassa di Risparmio di Volterra, l'amministrazione comunale di Volterra e l'amministrazione provinciale.
Intanto sabato prossimo, alle 17.30, al Persio Flacco sarà presentato il nuovo direttore artistico. E sarà l'occasione per far conoscere anche il cartellone della stagione teatrale 2004/2005, che si preannuncia ricco di novità.