Accompagnava in bici la giovane amica a prostituirsi

MASSA.La accompagnava sul lungomare con la bicicletta poco dopo il tramonto. Pochi minuti dalla pensione di Marina dove alloggiavano e per lei cominciava l'inferno serale, retribuito con una cifra che oscillava tra i 30 e i 50 euro a prestazione. Fino a quando la squadra mobile ha arrestato per favoreggiamento della prostituzione il suo accompagnatore, R.V.C., un ragazzo rumeno di 20 anni, in Italia senza il permesso di soggiorno. Adesso la giovane minorenne è stata affidata a un centro di accoglienza, R.V.C. è invece finito in carcere dove aspetterà l'udienza di convalida dell'arresto.
A far scattare le indagini è stata una segnalazione. Quell'andirivieni dei due con la bicicletta, tutte le sere, non era passato inosservato. Per quattro giorni gli agenti della mobile hanno seguito e filmato gli spostamenti dei due giovani. Ieri l'irruzione nella stanza della pensione di Marina e l'arresto di R.V.C.
D.F.