Le opere di Marino Collecchia alla Sparkasse di Bad Kissingen

MASSA.Nel quadro del "Kissingersommer", una delle più prestigiose manifestazioni musicali e culturali mitteleuropee, la città di Bad Kissingen gemellata da oltre quarant'anni con Massa, presenterà quest'anno al pubblico tedesco le opere pittoriche e le ceramiche dell'artista apuano Marino Collecchia, che saranno esposte da martedì prossimo al "Pavillon" della Sparkasse. L'iniziativa è di Giorgio Rossi, un appassionato d'arte italiano, che da molti anni è assiduo frequentatore ed estimatore della città di Bad Kissingen. Egli ha ritenuto opportuno far conoscere nell'ambito tedesco ed in particolare francone, le qualità del suo concittadino Marino Collecchia. Tra gli amici di Giorgio Rossi a Bad Kissingen ed il primo ad avere conosciuto, c'è Adi Riedl, il quale, assieme ai soci del comitato per il gemellaggio tra le città di Bad Kissingen e Massa, ha lavorato molto tempo per la realizzazione della mostra. Nel corso del 2003 Giorgio Rossi, per mezzo dell'amico Adi Riedl e di Dieter Foersch, presidente del comitato del gemellaggio di Bad Kissingen, ha preso contatto con i dirigenti della Sparkasse i quali, in considerazione del livello artistico delle opere, hanno offerto per la mostra i propri moderni locali, noti spazi espositivi della Franconia, che in passato hanno ospitato grandi nomi, tra cui Picasso. L'inaugurazione dell'evento è fissata per martedì prossimo alle 18,30. Saranno esposte pittoriche su tela e su legno, ed inoltre ceramiche realizzate dall'artista col sistema della doppia cottura. Temi delle opere sono prevalentemente personaggi del mondo del lavoro tratti dalle memorie del tempo trascorso dall'artista nella lontana terra di Costarica, oppure rievocati dal duro lavoro delle cave delle Apuane. Non mancano paesaggi frutto di rielaborazioni immaginarie che ricordano la Lunigiana, ove è nato Collecchia, o di ambienti prettamente toscani. Tra le opere figurano anche due tele, dedicate alla memoria di grandi artisti del secolo scorso: il regista italiano Pasolini e lo scrittore americano Hemingway. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 25 luglio, con il seguente orario: mattino dalle 10 alle 13; pomeriggio: dalle 16 alle 19.