Diamanti sogna un gol alla Pistoiese


PRATO. Il bambino tifoso è diventato in gioventù beniamino degli ultras. Acclamato dalla curva in ogni sua giocata, pulita o sporca che sia, Alessandro Diamanti accarezza il sogno di vestire una maglia da titolare contro la Pistoiese. Una speranza alimentata dall'impiego del trequartista nella partitella di giovedì a Santa Lucia dove il fantasista è cresciuto prima di approdare ai colori biancazzurri. Esposito non svela i propri piani lasciando in trepidazione il giovane pratese.
Un motivo in più per il calciatore dalla cresta d'oro che, dopo aver assistito da piccolo ad ogni partita dei lanieri con gli arancioni, spera di giocare il suo primo derby. «Da bambino, ho visto tutti i derby - ricorda Diamanti - Per me, essendo di Prato, lo sento moltissimo». Il giocatore, vincolato al sodalizio della famiglia Toccafondi da un contratto che scadrà nel 2008, non nasconde il suo desiderio di figurare nell'undici titolare. «Sarebbe una bella cosa - ammette Diamanti - In questa partita, scendere in campo fin da subito mi riempirebbe di gioia. In caso contrario, spero di offrire il mio contributo nell'arco dei 90'. Le scelte spettano comunque al mister e accetterò di buon grado ogni decisione».
Le sue affermazioni sembrano quasi rappresentare una richiesta ufficiale ad Esposito ma il tecnico biancazzurro, tutto pragmatismo e logica, non si lascerà condizionare. Le ambizioni di Diamanti comunque non si limitano soltanto nella possibile scelta tecnica di Esposito di inserire il giocatore in mezzo al campo. «Far gol all Pistoiese sarebbe il massimo», aggiunge Diamanti che precisa: «Abbiamo dalla nostra un solo risultato, vincere. Vogliamo battere la Pistoiese». Appena rientrato dall'esperienza con la nazionale Under 20 di serie C, sconfitta dalla Slovenia, Diamanti si sofferma sui sentimenti vissuti da lui e dall'ambiente alla vigilia della sfida con gli arancioni. «Pensiamo a lavorare - prosegue Diamanti - Abbiamo preparato la gara nel migliore dei modi, ora la parola passa al campo». L'euforia lo avvolge così tanto che, a tratti, le sue parole, sembrano rilasciate da un tecnico navigato. «La squadra sta lavorando bene - ribadisce Diamanti - Vogliamo vincere». Non è poco per una squadra che al Lungobisenzio finora ha rimediato un solo punto perdendo con l'Arezzo e il Cittadella. «Speriamo di invertire la rotta - pone l'accento Diamanti - Non potremo sempre perdere davanti al nostro pubblico». In attesa se Esposito punterà sul giovane scoperto dal Santa Lucia e lanciato dal Prato, un binomio che ha regalato al grande calcio Vieri, il trequartista rimane coi piedi per terra.
«Essere qui è già importante», conclude Diamanti che in biancazzurro ha fatto registrare sei presenze, la metà in questa stagione.

Massimo Pianigiani