Il primo super-colpo di Fagni: preso Artistico

PISTOIA. Il biglietto da visita di Fagni si chiama «Ciccio», un tipo che di mestiere gonfia le reti. Eccolo qua il nuovo bomber della Pistoiese, Edoardo Artistico, «Ciccio» per tutto il mondo del calcio. Lo aveva detto Anselmo Fagni che lui preferisce i fatti alle parole, e così alle 16.50 in punto si è presentato nella sala stampa dello stadio con a fianco la punta che alla Pistoiese era mancata da morire nell'ultimo campionto. Un colpo da novanta, il timbro di fabbrica forte e chiaro della nuova dirigenza. E ora con una coppia Artistico-Villa può davvero tornare il sorriso sulle labbra.
Artistico, 34 anni compiuti a giugno, ha fatto gol ovunque, in qualsiasi categoria. Leggete i numeri nella tabella a fianco: se fate due somme si scopre che questo ragazzo ha collezionato 11 presenze e 3 gol in serie A, 242 presenze e 90 gol in B, 152 presenze e 51 gol in C1, per un totale di 144 reti. «Ma qualcuno forse a Monza me l'hanno regalato, penso di essere a 133...», sorride Artistico, uno che fuori dal campo è buono come una pasta ma sul rettangolo di gioco diventa una furia. «Sono qua per far bene e segnare come minimo 16-17 gol, se ne faccio meno di 15 per me è un fallimento». Benvenuto...
Il sì a Pistoia.L'attaccante rincorso da anni, sempre inserito in tutte le trattative della Pistoiese e mai preso. «Ah sì? A me non risultava, questo non lo sapevo...». Eloquente. «Ho scelto Pistoia perché è arrivata una nuova società, ho visto dei dirigenti molto motivati e credo che qua ci siano tutte le carte in regola per fare una bella stagione. Potevo aspettare e magari andare in un'altra squadra, forse anche in B, ma mi è piaciuto il progetto dei nuovi proprietari». I quali, è bene chiarirlo, per ottenere il sì di Artistico hanno fatto uno sforzo economico non indifferente.
La forma -Lo scorso anno 27 presenze e 16 gol a Crotone ma prima della fine del campionato ci fu la rescissione del contratto, in estate tante trattative ma nessuna arrivata in porto. «Ma la condizione è buona, già da un mese mi stavo allenando a Bologna con altri giocatori, devo solo ritrovare il clima partita. Magari non correrò tanto ma una punta deve buttarla dentro, no?».
Obiettivi -Il campionato non lo spaventa, anzi, lo esalta: «È vero, ci sono Fiorentina e Genoa, e allora? I campionati non si vincono sulla carta, anche queste due squadre dovranno sudarsela la promozione. Lo scorso anno sono sceso in C1 e il primo impatto è stato un po' negativo a livello mentale visto che si gioca molto sull'agonismo e molto sulla tecnica, ma in un torneo come questo che assomiglia ad una B2 credo che per me sarà più facile».
Ficcadenti -Artistico e Ficcadenti hanno giocato insieme nel Torino per due campionati. Stagione 1999-2000, il Toro trascinato da Ferrante (27 gol) e Artistico (8) vola in serie A; l'anno dopo però arriva subito la retrocessione. «Sì, Ficcadenti era un compagno nel Toro e devo dire che già in quegli anni si vedeva che il suo futuro sarebbe stato sulla panchina. Dava consigli, spiegava, ed era piacevole ascoltarlo. Nella mia scelta di venire a Pistoia ha inciso anche la sua presenza».
Della sua nuova squadra non conosce molto: «Solo Bellini, l'ho incontrato diverse volte da avversario».
La società -Insomma, Anselmo Fagni ha fatto subito le cose in grande stile. Il contratto con Artistico è di 1 anno ma niente vieta che, in caso di soddisfazione reciproca, il matrimonio possa prolungarsi. «Ci siamo messi al timone della società per fare qualcosa di buono - sorride Fagni - e l'ingaggio di Artistico è un primo passo nella costruzione di una Pistoiese che possa far divertire gli sportivi. L'accordo con Artistico è stato rapido, c'era la volontà di tutti di chiudere in modo positivo la trattativa. Penso proprio che lui sarà l'uomo giusto per noi, abbiamo avuto ottime referenze sotto il profilo umano e quanto alla capacità di far gol, beh, i numeri e la sua carriera parlano chiaro».
Carriera che sembra tutt'altro che al capolinea. Magari un tempo a 34 anni si poteva essere sul viale del tramonto, adesso non più: in serie A di punta giocano Ganz (35 ani), Hubner (36), Signori (35), in B Protti (36) è stato capocannoniere. In campo adesso si va con le gambe ma soprattutto col cuore. E Ciccio Artistico di cuore ne ha sempre avuto tanto.