Baroni approda alla Carrarese


CARRARA. È ufficiale: il nuovo tecnico della Carrarese sarà Marco Baroni, l'ex giocatore di Napoli e Fiorentina che, nelle scorse stagioni, ha guidato Rondinella e Montevarchi, prima di assistere Malesani al Verona. Sono stati i due neo proprietari della Carrarese, Fontanili e Sacchelli, a comunicare la notizia, anche se nessun contratto è stato siglato dalle parti perché il passaggio della società deve essere ancora formalizzato. Già calato nella parte il nuovo allenatore: «Il mio non è un salto nel buio: manca la squadra, ma non la società, e l'ossatura dell'organico sarà definita al più presto. I tempi sono stretti, ma ci sono tutte le condizioni per costruire una formazione competitiva».
Nonostante l'apparente ottimismo, Baroni sugli obiettivi stagionali non si sbilancia: «È prematuro fissare traguardi. La prima fase della Coppa Italia la giocherà la Berretti. Quanto al campionato, la nostra sarà una partenza in sordina, che mi auguro possa riservare sorprese».
Nuovi arrivi. Se il titolare della panchina è stato individuato, l'organico è ancora lontano da una compiuta definizione. «La società sarà operativa solo da venerdì», secondo le previsioni del ds Claudio Vinazzani. «Per ora non possiamo concludere contratti e questo ci impedisce di rivelare i nostri contatti, perché c'è il rischio che altre società ci brucino sul tempo».
Bocche ufficialmente cucite, quindi, in casa azzurra, anche se sui nomi dei papabili continuano a filtrare indiscrezioni. In trattativa sia svincolati che giocatori di proprietà di altre società: fitti rapporti sussistono con Empoli, Genoa e Atalanta. Da Empoli dovrebbero arrivare il difensore centrale Raggi (classe '84), l'altro difensore centrale Bonatti e l'attaccante Magnani. Dal Genoa potrebbero sbarcare a Carrara il regista difensivo Andrea Basso e l'esterno sinistro Davide Scantamburlo, che hanno disputato l'ultimo campionato con il Mestre. La Carrarese sembra anche vicina all'acquisto di alcuni giovani promesse dell'Atalanta, ma sui nome vige il più stretto riserbo.
Capitolo riconferme. Vinazzani è perentorio: «L'unico ex che potrebbe interessarci è Franco Micco». Per averlo, però, la società azzurra dovrà vincere la concorrenza di Vis Pesaro, Spezia e Spal. Vinazzani si dice a conoscenza dei contatti tra il giocatore e le tre società, ma sostiene anche di avere accertato la sua disponibilità a restare all'ombra delle Apuane. Smentite, invece, le voci che volevano la permanenza del difensore Giovanni Di Rocco, in trattativa avanzata, pare, con una società del sud.
La settimana cruciale nella definizione del nuovo organico sarà senza dubbio la prossima, quando i colloqui in corso potranno essere definiti con i crismi dell'ufficialità e tradotti in contratti.

Michela Nicolai