Chiude l'azienda dell'ex calciatore della Fiorentina Dalla serie A al fallimento La parabola di Speggiorin


PRATO. Ha attaccato lescarpe al chiodo da vent'annie per lui la Fiorentina è soloun bel ricordo, ma proprionell'anno del fallimento dellasua vecchia società calcistica,Walter Speggiorin, indimenticataala sinistra viola, ha finitoper subire la stessa sorte.Il giudice delegato Anita Daviaha dichiarato in questigiorni il fallimento della«Due W pronto moda», l'aziendaamministrata da Speggiorin. Per uno strano scherzo deldestino la parabola economicadell'ex calciatore, ora residentea Prato, e della sua anticasocietà sono arrivati al capolineanella stessa stagione,verrebbe da dire. La società di Walter Speggiorinha sede legale a CamisanoVicentino, il comune inprovincia di Vicenza dovel'ex calciatore è nato 50 annifa, ma il fallimento è stato dichiaratoa Prato perché laproduzione aveva sede incittà. Il giudice delegato ha nominatocuratore il ragionier AntonioTofani e ha fissato l'udienzaper la verifica dei creditial prossimo 14 novembre. Speggiorin ha militato nellaFiorentina nella secondametà degli anni Settanta e i tifosipiù attempati ricorderannole sue discese sulla fasciasinistra o la sua presunta indisciplinatattica che facevaarrabbiare Nereo Rocco.Chiusa la carriera sportiva,aveva iniziato l'attività nelsettore tessile, un po' comeha fatto Roberto Badiani, altroex calciatore stabilitosi aPrato. (p.n.)