Il premio «Indro Montanelli» a Emiliano Liuzzi e Alberto Barachini


FIRENZE. Il nostro collega Emiliano Liuzzi ha vinto il premiogiornalistico Indro Montanelli bandito dall'ordine deigiornalisti della Toscana. Un premio riservato ai professionistie pubblicisti che non avessero ancora compiuto i 35 annidi età alla data di scadenza del bando. Liuzzi è stato premiatonella categoria periodici, per un articolo uscito sulsettimanale L'Espresso, di cui è collaboratore. Un'inchiesta nella quale si dimostrava come la «Baerental»,in italiano Valle degli Orsi, immensa distesa oggi diproprietà del leader xenofobo austriaco Joerg Haider, fossestata espropriata negli anni Quaranta a una famiglia diebrei, originari della Toscana. Membri della giuria, il direttoredel Tirreno Sandra Bonsanti, quello della Nazione,Francesco Carrassi, il caporedattore dell'Ansa, Enzo Ferrini,il giornalista Giampiero Masieri, i professori Luigi Ballinie Cosimo Ceccuti dell'università di Firenze, Romano PaoloCoppini dell'università di Pisa e Giovanni Gozzini dell'universitàdi Siena. Ma il premio Montanelli non riguarda soltanto la cartastampata e per ciò che concerne il piccolo schermo è statoattribuito quest'anno ad un giornalista di Retequattro, unpisano che ha mosso i suoi primi passi nella professioneproprio collaborando al «Tirreno», Alberto Barachini. Trent'anni, dal 1999 al lavoro nel team del Tg4 di EmilioFede, Barachini, che si occupa di cronaca italiana ed estera,economia e sport, sarà premiato per la sezione radio edemittenti televisive. Alberto vive attualmente a Milanoper motivi di lavoro, ma resta legato alla sua Pisa, dove ènato ed ancora risiede con la moglie. Il giornalismo è lasua vita. Una passione nata quando ancora studiava Letteremoderne all'università di Pisa, dove si è laureato, e frequentavala nostra redazione, in corso Italia, scrivendo dicultura e università. Per Liuzzi e Barachini la premiazionesi svolgerà questo pomeriggio, all'interno di Palazzo Vecchio,a Firenze, alle ore 17,30.