Doppio colpo della Carrarese Presi Banchelli e Del Rio, ma slitta l'inizio della C-1


CARRARA. Arrivano due new entry nella Carrarese di Raimondo Ponte. Ieri sono stati ingaggiati dalla società azzurra la punta centrale Giacomo Banchelli e il difensore Walter Del Rio. E si tratta soltanto delle prime mosse di un'ampia manovra di mercato che porterà in maglia azzurra almeno altri tre giocatori: il portiere uruguayano Nicolas Bremec (ex Danubio), il difensore Ciro Caruso, e un centrocampista: Alessandro Pagano è in pole-position. Ma intanto, è in dubbio il derby di domenica con la Lucchese: possibile un rinvio. Walter Del Rio, 26 anni, italo-argentino, in due anni ha collezionato una novantina di presenze al Dundee fra campionato e Coppe; in precedenza era stato al Crystal Palace; in Argentina aveva militato nel Boca Juniors. Giacomo Banchelli, classe 1973, è uno dei colpi più grossi sul mercato del presidente Antonio Ponte che ha portato a Carrara un giocatore di spessore, reduce da una stagione in serie B, nella Pistoiese, dove ha fatto coppia con Ciccio Baiano. Nel brillante curriculum di Banchelli ci sono anche le esperienze in serie B e A con la Fiorentina (dove ha militato fino al campionato 1989-90), l'Atalanta, il Cagliari, l'Empoli, la Reggiana (10 gol nel 97-98); unico precedente in C-1, nell'Alessandria (1992-93) dove siglò in una stagione 12 reti. «Sono contento di cominciare questa nuova avventura a Carrara - dichiara Banchelli - il mio obiettivo principale è quello di fare bene e di riscattarmi dalla difficile annata, culminata con la retrocessione, che ho vissuto a Pistoia». Per la prima punta da ieri ufficialmente arruolata da Raimondo Ponte, la piazza di C1 è molto importante per un rilancio in grande stile. «Non ho avuto nessun timore a scendere di categoria - dice - sono convinto infatti che quest'anno quello di serie C1 sia un campionato importantissimo, dove ci sarà da lavorare molto ma potremmo prenderci anche delle belle soddisfazioni. Io sono pronto a rimboccarmi le maniche e sono convinto che questo gruppo, fatto di ragazzi giovani che hanno voglia di mettersi in mostra, potrà riservare delle grandi sorprese». Il presidente Antonio Ponte è soddisfatto dei due nuovi acquisti. «Con Banchelli la trattativa era aperta da giorni: era fondamentale per noi portare in attacco un giocatore di esperienza in grado di fare la differenza - spiega il presidente azzurro - Piano piano, come avevo promesso la Carrarese sta prendendo il suo volto e non è ancora finita. Entro la fine della prossima settimana arriveranno almeno altri tre o quattro giocatori: siamo vicinissimi alla firma con Caruso e anche il portiere Nicolas Bremec (ex Danubio, è un uruguaiano con passaporto spagnolo, ndc) potrebbe essere ingaggiato, insieme a un centrocampista su cui per adesso preferisco mantenere il riserbo». Da ieri è in prova anche Francesco Mocarelli, 23anne della Lucchese (era a Montevarchi): potrebbe far parte della rosa, ma Ponte punta anche ad Alessandro Pagano e ad un altro nome di spicco che, come detto, non rivela. Intanto dalla Federcalcio arriva una fumata nera sul calcio d'inizio del campionato, fissato per il 1 settembre, domenica prossima: la Carrarese doveva esordire in casa con la Lucchese, ma si parla di uno slittamento, come diciamo nelle pagine sportive nazionali, dovuto a controversie economiche. Per il presidente azzurro Antonio Ponte un «ritardo» sul fischio d'avvio del campionato sarebbe positivo. «Visto che abbiamo avuto molti problemi, prima con i giocatori extracomunitari bloccati dalla Lega e poi con il visto per i nostri sette ragazzi arrivati da federazioni straniere - spiega Ponte - un po' di tempo in più prima dell'avvio della stagione ci consentirebbe di completare la squadra». (a.v.)