Le sorgenti di Roveta e Fraticelli Acqua limpida a due passi da Firenze


FIRENZE. Le sorgenti di Roveta e Fraticelli, a un passo da Firenze. Ecco due itinerari alla scoperta delle sorgenti, per chi avesse concluso le sue vacanze ma non vuol rinunciare a una domenica al fresco. I giovani degli anni Sessanta ricorderanno l'aranciata e il chinotto dalle caratteristiche forme arrotondate: andavano di moda soprattutto al mare, nei locali della Versilia. E venivano imbottigliati a Roveta, nei pressi di Scandicci, in capannoni a fianco di uno stabilimento idroterapico: oggi tutto è ridotto a rudere, in rovina, dopo il sequestro giudiziario a cui fu sottoposto negli anni Sessanta. Resta tuttavia la grande suggestione di un luogo isolato, fra boschi di pini e macchie di ginestre, a un passo da Firenze. Il luogo dove sgorga la Sorgente della Roveta. Trenta anni fa era famoso per le sue acque, e il bosco accuratamente custodito invitava a lunghe passeggiate. Esistevano alcuni grandi alberghi, il più noto dei quali era l'albergo delle Fonti, famoso per la vasta piscina e oggi recuperato e chiamato Hotel Roveta. Oggi la Sorgente è diventata un posto selvaggio ma ugualmente bello: i ruderi sono raggiungibili solo a piedi, in un percorso collinare un po' difficoltoso, attraverso i boschi della Roveta, refrigeranti in questa calura di fine agosto. Passando a fianco dell'Hotel, si prende a sinistra una stradina sterrata e, dopo la recinzione che chiude l'accesso ai veicoli, si entra in un bel bosco ricco di essenze mediterranee. Si cammina per circa un chilometro, e si arriva a un quadrivio: prendendo a sinistra, si raggiunge lo stabilimento e la sorgente. L'acqua della Roveta è mediominerale con temperatura di tredici gradi centigradi ed è indicata per le malattie delle vie urinarie e dell'apparato digerente. Un tempo ricercata e apprezzata, oggi allaga i locali in cui zampilla, favorendone il degrado, come raccontano Erio Rosetti e Luca Valenti nel volume "Terme e sorgenti di Toscana" (Le Lettere). Tuttavia la passeggiata nel Parco della Roveta vale la pena per la bellezza del paesaggio incolto, anche se dispiace che si vada perdendo una sorgente un tempo tanto famosa. A pochi chilometri di distanza da Roveta, in località Marciola, c'è la Sorgente dei Fraticelli, sul versante nord del Monte Lepri. Per raggiungerla si oltrepassa il paese di Marciola in direzione San Vincenzo a Torri, e si gira poi a sinistra, lasciando a destra la strada per Roveta. Oltrepassato il muro di recinzione della villa Cipriani, ci si incammina a piedi lungo una vecchia strada selciata. Dopo trecento metri, in mezzo a un bosco di pini e querce, ecco lo spiazzo della fonte. L'acqua è fresca e dissetante: sono in molti a raggiungerla con taniche e bottiglie, nonostante la camminata a piedi. David Fiesoli