Primi passi delle zebre Crisi societaria superata per il Viareggio


VIAREGGIO. In questo momentoil lavoro non manca aidirigenti del Viareggio chestanno pianificando le strategieper affrontare il prossimocampionato con meno problemipossibili. Intanto sono stateriscattate le comproprietà:con il Pisa di Alex Muoio econ la Roma quelle di AndreaGiallombardo e Marco Sansovini,anche se i tre giocatoripotrebbero poi non far partedella rosa per la prossima stagione.Per adesso però la societàha voluto dare un segnaleche è viva e che sta cercandocon non pochi sacrifici diportarsi ai nastri di partenzanelle migliori condizioni perpoter lavorare con estrematranquillità. Oggi è previstauna riunione del consiglio direttivoper procedere all'aumentodel capitale sociale.Un altro passo determinanteper essere con le carte in regolacome richiedono i regolamentifederali. «La scorsa settimana ci siamoiscritti al campionato equesto è un dato importante -ha detto il direttore sportivo,Giacomo Pezzini. Nel frattempoabbiamo già in mano le liberatoriefirmate di una partedei giocatori, le altre dovremoaverle entro questi giorni.Tutto per fortuna sta appianandosi,siamo pronti cosìper affrontare un'altra avventura.Mi auguro che ci sianoquanto prima notizie definitiveper quanto riguarda l'utilizzazionedei giovani, perchècome del resto le altre società,questa indecisione daparte della Lega, ci sta creandodelle difficoltà per portareavanti alcune trattative». Aproposito di queste è decadutala possibilità per portare aViareggio il difensore centraLedel Grosseto, Cioffi. «Le richiestedel giocatore sono apparsetroppo elevate - ha dettoPezzini - ci orienteremo cosìsu altre direzioni. Invece restaaperto il discorso su Redaviddi proprietà della Juventus,l'anno scorso in prestitoal Gubbio, che avrebbeespresso parere favorevole,tramite il suo procuratoreper venire a Viareggio. Nelle ultime ore è spuntataperò anche la Pro Vercelli,quindi vedremo di vincere laconcorrenza del club piemontese.Riuscire a concretizzarequesta trattativa sarebbe unabuona cosa, perchè il giocatoreè valido e poi, se passassela regola del «fuori quota», potrebbericoprire uno di questiruoli». Soddisfatto del lavoro deidirigenti anche l'allenatorein prima, Francesco Bertolucci.«Siamo andati a vedere lascorsa settimana il luogo delritiro di Todi, anche con l'allenatorein seconda, MassimilianoMaddaloni e lo staff dirigenziale- ha detto Bertolucci.Un bel posto, ottimo l'albergoed anche il campo dove ci dovremoallenare. In più potremocontare anche su una palestraben attrezzata».

Roy Lepore