L'onorevole Biricotti chiede che la sezione di Cecina abbia piena funzionalità Tribunale, interrogazione parlamentare


CECINA. Lo stanziamentodi quattro miliardi per i lavorialla struttura della sezionedel tribunale di Livorno, istituitaa Cecina, è un interventovalido, ma non sufficientead assicurarne la piena funzionalità.Manca in effetti ilpersonale stabile per le causecivili e i sindaci della BassaValdicecina insieme agli avvocatidel foro cecinese si sonofatti sentire anche presso ideputati della zona. Da qui una interrogazionedell'onorevole Annamaria Biricottial Ministro della giustiziaper invitarlo ad adoperarsi«per garantire la piena funzionalitàdella sezione». Ildeputato livornese insiste nelsottolineare come il bacino diutenza della zona copra ben11 Comuni con circa 70 milaabitanti e che esistono in questaparte del territorio «attivitàeconomiche ed imprenditorialidi grande rilievo ed incontinua espansione». Peraltrole attività del foro cecinesesono tradizionalmente intenseed hanno nel tempo occupatogran parte delle attivitàgiuridiche civili di un ampiocomparto del settore. «Le condizioni _ scrive Biricotti_ non sono oggi mutatee rendono opportuno garantirela funzionalità di talesezione sulla quale, peraltro,vi è stato un forte impegnodel Governo che ha stanziatoquattro miliardi per lavori distruttura». Ma sul piano strettamentefunzionale la «mancanzadel personale stabile»sta creando seri problemi aldisbrigo della funzionalitàdei procedimenti. Grave questioneche rischia anche didanneggiare l'immagine dellagiustizia che nella lentezzadelle procedure ha un nototallone d'Achille.