Carrarese, il riscatto non si fa attendere Netta vittoria sul Fiorenzuola, ma la squadra è ancora in allestimento


CARRARESEFIORENZUOLA30CARRARESE: Puntelli, Vincenti,Zanardo (Pennucci 30' st), Fiorin,Cottafava, Marcucci, Salvi (Pierotti35' st), Granozi, Masitto, Ratti(Spagnoli 15' st), Cavalli. A disp.Pinna, Ragone, Pennucci, Vaira,Fusco. All. Filippi.FIORENZUOLA: Pegolo, Miccoli,Liberti (Cecchetto 20' st), Medda,Cozzi, Grossi, Nicoletti (Lauria15' st), Pizzelli, Guerra (Teresi 37'st), Drascek, Moreschi. A disp.Conca, Labriela, Bandera, Mileo.All. Maccoppi.ARBITRO: Tonin di Piombino.RETI: nel st Salvi al 9', Masitto al15', Cavalli al 21'.NOTE: Spettatori 500 circa (paganti490, incasso 5 milioni e 705mila).Amm.: Zanardo, Ratti, Libertie Drascek; espulso Cozzi al 35'st. Angoli 6-4 per la Carrarese.di Massimo Braglia CARRARA. La Carrarese,con un'ottima ripresa dopo unprimo tempo incerto, batte nettamenteil Fiorenzuola e riscattaprontamente la dura sconfittadi Spezia. Nel primo tempo, il tecnicoazzurro Filippi presenta unaformazione a trazione anteriore:di punta Cavalli e Masitto(anche se inizialmente parteda lontano), trequartista Ratti,a destra Salvi, autentico trascinatoree funambolo. Le premessesembrano buone, e allaprova dei fatti l'arcigna - e troppofallosa - difesa del Fiorenzuolaregge solo una frazione.La Carrarese, è evidente, è ancorain fase di allestimento: alcunigiocatori chiave, in particolareil regista Fiorin, sono inritardo di condizione, e non èun mistero che la società stiacercando sul mercato un difensore(è imminente l'ingaggiodel ventenne Simone Santin,ex Giorgione) e un centrocampista(piace Sciaccaluga del Siena).Perciò, senza una adeguatacontinuità, anche i principichiave del tecnico, ovvero pressing,aggressività, massima attenzione,trovano incostanteapplicazione. Qualcosa di buonoperò si intravvede già, e poitroverà conferma nella ripresa:il Fiorenzuola, squadra diC2 apparentemente mediocre,bada solo a difendersi, e quindiil test non è attendibile, ma almenorispetto alla debacle diSpezia la compagine apuana èpiù presente sulle fasce - il lateraleVincenti si propone spessoa sostegno di Salvi e, a sinistra,Zanardo si conferma unottimo acquisto e spinge conbuona lena, tanto che la difesaper lunghi tratti resta a tre - enelle rare occasioni in cui la retroguardiaè impegnata, il rientranteCottafava conferma diessere una sicurezza a fiancodi Marcucci. Ci vorrà ancoraun po' di tempo per vedere lamigliore Carrarese, ed è normaleche sia così: la squadra,in sostanza, a volte è troppolunga, ma Filippi può esseresoddisfatto perché alla lunga ilrendimento è cresciuto. La cronaca. Parte subito fortela Carrarese, già al 6' Cottafava,spintosi in avanti, per poconon devia una palla vagante;al 10' è Zanardo a impegnarePegolo da lontano, e un minutodopo Masitto di testa cercal'angolo alto ma non dà forzaalla sfera. E' un monologo,Salvi imperversa sulla destra,e il Fiorenzuola insiste con fallivistosi. Al 24' Ratti è atterrato al limite,il mancino di Granoziesce di un niente; bella la triangolazioneFiorin-Masitto-Rattial 30', ma il tiro conclusivo è alto.Il Fiorenzuola si vede soloal 31', Nicoletti salta Vincenti eserve Drascek, il tiro è rimpallato.Al 36', fuori di poco la punizionedi Masitto. Nella ripresa,la Carrarese si ripresentapiù aggressiva e più corta, ancheperché la difesa diventa sistematicamentea tre, con Zanardolaterale di centrocampoa sinistra, e il Fiorenzuola sisquaglia. Apre le danze Salvi al 9' - toccopreciso su assist di Cavalli -e subito dopo, al 15' (nel frattempoSpagnoli ha rilevato Ratti)raddoppia Masitto, servitobenissimo da Salvi. Al 17' granrovesciata di Cavalli, Pegollosi salva in angolo, ma al 21'non può nulla sulla precisaconclusione dello stesso Cavalli:3-0.