Ora il Grosseto è di Piero Camilli Firmato l'accordo con Moretti A Orbetello c'è un nuovo allenatore


GROSSETO. Giornata di grandi novità quella di ieri per il calcio maremmano. Al Grosseto è stato siglato ufficialmente il passaggio di consegne al vertice da Luigi Franco Moretti, presidente uscente, a Piero Camilli, neo presidente biancorosso. A Orbetello invece cambio tecnico, con Gianluca Presicci che subentra a Alfredo Carotti sulla panchina dei lagunari. Presicci, orbetellano doc, con un passato importante da giocatore, era candidato peraltro per fare il secondo a Serse Cosmi sulla panchina del Perugia in serie A. Nel capoluogo maremmano invece, si è conclusa positivamente la lunga trattativa che ha portato l'imprenditore laziale dalla presidenza della Castrense a quella della prima squadra cittadina. La giornata grossetana di Piero Camilli è iniziata nello studio del noto commercialista, Roberto Vanni, prima del trasferimento con Moretti, Santini e Renzo Vanni, in quello del notaio Giorgetti, per la definizione ufficiale degli accordi ormai noti. Piero Camilli è il nuovo presidente biancorosso con l'acquisizione dell'80% delle quote. Maurizio Santini rimane vicepresidente e Luigi Franco Moretti è il presidente onorario con mansioni varie. D'altra parte Camilli ha bisogno di persone di fiducia in loco, data l'attività che lo porterà spesso ad essere fuori città. Renzo Vanni rimmarrà come direttore generale. Novità sono attese per il ruolo di direttore sportivo. Soddisfatto il presidente uscente Moretti che ringrazia Renzo Vanni per la serietà e per il lavoro svolto in questi anni. Da definire al più presto il nuovo allenatore, come sottolinea il neo presidente Camilli: «C'è subito da lavorare per recuperare il tempo perso. Entro la settimana prossima definiremo per il ruolo di allenatore». Dalla scelta del tecnico dipenderà poi tutta la campagna acquisti biancorossa. In bilico la posizione di capitan Meacci, richiesto con forza dal Poggibonsi che sarà uno dei principali rivali dei biancorossi nel prossimo campionato che, promette Camilli, sarà di vertice. Sarà un'estate piena di novità. Paolo Franzò