Il presidente Moretti annuncia la conclusione della trattativa con l'imprenditore laziale «Grosseto, il dado è tratto» Domani la firma dell'atto di vendita a Camilli


GROSSETO. Manca ormai soltanto la firma, ma Piero Camilliè il nuovo presidente dell'Us Grosseto. «Il dado ètratto», così esordisce il presidente uscente, Luigi FrancoMoretti che lascia dopo 4 anni non privi di soddisfazioni edi meriti la guida della prima squadra di calcio cittadina.Domani mattina a Grosseto la firma che sancirà l'ingressodell'imprenditore laziale al timone. «Abbiamo risposto positivamentea quella che era l'ultimaproposta che il signor Camillici aveva inviato per faxlunedì sera - prosegue Moretti-, inviando un comunicatoper iscritto nel quale accettiamodi fatto il tutto. Domanimattina nella sede di un notaiocittadino metteremo nerosu bianco. A Camilli andràl'80% della società nella qualeio e Maurizio Santini resteremocon un 10% a testa». «Sono contento - prosegueMoretti -, che si possa da subitopuntare al salto in serieC2. Credo di aver fatto la sceltamigliore per il Grosseto eper i suoi tifosi. Lascio nonsenza rimpianti, ma sia ioche Maurizio (Santini ndr)continueremo a dare il nostrocontributo per raggiungerequell'obiettivo che ci eravamoprefissati». Tutto confermato dalla sededella Ilco, direttamente dallavoce di Piero Camilli, al lavorocome sempre. «Soffroun po' a lasciare questa squadrache sento una mia creatura(la Castrense ndr), ma laprossima avventura mi stimolae mi entusiasma. Non vengocerto a Grosseto per vivacchiare,ma per tentare di vincere». Domani pomeriggio o alpiù tardi sabato la conferenzastampa nella quale verrà illustratoil tutto nel dettaglio. Intanto,con Mirco Pieri in provaal Perugia, tra gli arrivi inbiancorosso, con Camilli eccoGerry Cavallo, Lazzerini,Cioffi, Palazzini e Paradisi.Paolo Franzò