Fanfani ricordato nelle sue foto a Santo Stefano


PORTO S. STEFANO. Lamorte del senatore AmintoreFanfani, occupa le primepagine dei giornali, ed è giustocosì. Ma pensiamo che ilsenatore Dc meriti anche unangolo della pagina che ospitala cronaca dell'Argentarioperchè i rapporti tra Fanfanie Porto S. Stefano sonostati strettissimi. InnanzituttoFanfani è uno delle pochissimepersonalità a cui èstata concessa la cittadinanzaonoraria del promontorio.Ma la galleria di foto delsegretario Dc a Porto S. Stefanocomincia con una istantaneadel 1948 con il giovanedeputato democristiano cheparla in un comizio, in unapiazza Vittorio Emanuele ancoracircondata dalle macerieprovocate dai bombardamentialleaiti del 1944. Le visite di Fanfani a PortoS. Stefano da quel momentosono ricorrenti. Fu a quiche per la prima volta parlòdei «piani Fanfani», fu nellaprimavera del 1959, in uncongresso provinciale che sisvolse nel cinema «Giardino»che Fanfani fece balenarela prima idea del centrosinistra.Nel 1961 fu ancora ilsenatore Fanfani ad appuntaresul gonfalone del Comunela medaglia di bronzo alvalor civile, e ricevette inquella circostanza la cittandinazaonoraria. Nel 1963Fanfani volle votare a PortoS. Stefano, sbgaliò e il presidentedi seggio, GiuseppeCattania, come racconta EttoreZolesi, dovette dargliun'altra scheda. Ancora fotografie:durante una conversazionesulla terrazza dell'hotel«La Caletta» e ancora,in visita al convento dellaPresentazione dei padripassionisti, e ancora in unasaletta dell'hotel«Calapiccola»durante un incontro segretissimocon Giuseppe Saragat.L'ultima foto del senatorea vita a Porto S. Stefanoè quella dell'inaugurazionedel centro sociale anziani diVilla Varoli avvenuta nel1987. In quell'occasione il senatoredonò al centro unsuo quadro raffigurante unaMadonna, che è ancora appesoal posto d'onore nella bellastruttura comunale diPorto S. Stefano. Il Comuneha fatto pervenire ai familiaridel senatore un telegrammadi condoglianze.