Maestro di tanti attori Il Sant'Andrea ricorda Orazio Costa


PISA. A parte la Rai, chenon ha ricordato in alcun modol'opera del maestro e registaOrazio Costa, tutti i quotidianihanno parlato del «padredel nuovo teatro italiano»,«maestro di attori», «che ha formatotutti da Buazzelli e Ronconi,a Lavia», «maestro di Gassmane Vitti»... «Noi del Sant'Andrea- scrive Gabriele Carli,direttore del teatro - gli dobbiamomolto, forse anche dipiù dei personaggi più o menofamosi che oggi popolano ilsuo ricordo. Noi del Sant'Andreadobbiamo tutto alla suaintuizione metodologica e pedagogica:la nostra scuola è statacreata 15 anni da SalvatoreCiulla, allievo di Costa pressoil Centro di avviamento all'espressionedi Firenze ed ha postofin dall'inizio al centro delsuo insegnamento il metodomimesico e `minico' (a Costapiaceva molto di più) che daldopoguerra ad oggi è anche ilmetodo dell'Accademia d'artedrammatica Silvio D'amico diRoma. Lo ringraziamo per essersiimpegnato sino in fondoa riscoprire un teatro dello spirito,un teatro che era insiemepassione religiosa e intransigenzacivile, per il suo amoreverso una coscienza teatraleche in ogni momento facevatrasparire un grande rigoremorale e culturale».