Lucchese regala troppo e rischia la beffa Con il Varese una partita con luci e ombre E nel finale i lombardi sfiorano il successo


LUCCA. La Lucchese non riesce a capitalizzarele numerose occasioni da gol createsoprattutto nella ripresa e a un minutodalla fine rischia la clamorosa beffa quandoFoschini colpisce il palo alla destra diBigliazzi. La squadra di Discepoli gioca acorrente alternata e le azioni partono piùda iniziative dei singoli (Bettoni in primis)che da una precisa manovra collettiva.L'assenza di un regista in mezzo si fasentire e permette agli avversari di trovarele contromosse necessarie per bloccaresul nascere le fonti di gioco rossonere. Sea queste carenze strutturali si aggiungonocerti regali difensivi inammissibili si capisceperchè contro un avversario tutt'altroche trascendentale come il Varese la Lucchesenon è andata al di là del pari. Intendiamoci, i biancorossinon hanno rubato nulla e dopo20' minuti inguardabili sottola spinta del gol del pareggiohanno tenuto testa ai piùquotati avversari con grandepuntiglio. L'innesto del giovanepanzer è servito quantomenoa mettere in apprensionel'incerta difesa lombarda. Inquei venti minuti la Luccheseha confezionato almeno duenitide palle gol fallite di unsoffio costringendo gli ospitia rinchiudersi nella loro areadi rigore. Adesso Discepoli attendeindicazioni utili dal calciomercato.E' ormai imminenteil ritorno del centrocampistaSilvio Giusti da trestagioni al Chievo Verona dopoaver trascorso 8 anni nellaLucchese ottenendo la storicapromozione in B e la conquistadella Coppa Italia di C.Con lui dovrebbe arrivare,sempre dalla formazione veronese,il centrocampista didestra Massimo Lombardini,28 anni, ex Vicenza e Cremonese.Due pedine importantiper sistemare il centrocampoe cercare di dare un volto definitivoalla squadra. I due innesticomporteranno il sacrificiodi Moreno Longo chepasserà al Chievo in comproprietà.La trattativa è avviatissimae l'unico ostacolo èrappresentato dall'ingaggiodi Lombardini che appare almomento troppo elevato. Propriocapitan Longo ha segnatoieri il suo ultimo gol al PortaElisa. Al 14' ha schiacciatodi testa un bel cross dalla sinistradi Barsotti indovinandol'angolo alla destra del portiererimasto immobile come tuttoil pacchetto arretrato biancorosso.L'inizio è stato incoraggiantecon la Lucchese afare la partita e il Varese racchiusoall'indietro. Berettaschiera un 4-4-2 che in chiaveoffensiva si trasforma in 4-3-3con Saverino, poi rivelatosifondamentale, a supportarele punte Andreini e Cavicchia.Discepoli risponde conla difesa a 4 e a centrocampoMarianini opposto a Zago,ispiratore della manovra lombarda,Boscolo che se la vedecon Saverino, Bettoni oppostoa Terni e Longo sulle pistedi Modica. Dopo il gol delvantaggio la Lucchese si siede.Difficoltà sulle palle alteincapacità di giocare in velocitài difetti che saltano subitoagli occhi. Tuttavia il goldel pari nasce quasi per caso.Ancora una volta è un'ingenuitàdifensiva a premiare Zagoe compagni. Al 29' in un'azionedi rimessa Ferrara va achiudere su Andreini, la sferafinisce sui piedi di Zagoche pennella un cross millimetricoper il liberissimo Saverino(Pedotti dov'era?) chel'interno ospite sfrutta nelmodo migliore beffando conpallonetto Bigliazzi in uscita.Un pareggio che galvanizza iragazzi di Beretta mettendo anudo i difetti della Lucchese.Cala Marianini e viene fuoriil mestiere di Zago, Boscolocorre a vuoto, Longo è costrettoa limitare il suo raggio d'azione. Nella ripresa Discepoli inserisceRusso al posto di Barsottispostando Chini al centro,Longo a sinistra e Pedotti adestra. Ma i risultati tardanoad arrivare. L'unico a dettarei tempi della manovra è Bettoni.Suo all'11' l'assist per Longoche tira su Brancaccio, lapalla finisce sui piedi di Russoche in area calcia sopra latraversa. Cinque minuti dopoè sempre lui a seminare il paniconella difesa del Varese,ma il suo tiro a tu per tu conil portiere sfiora il palo. L'innestodi Scandurra riesce adare maggior concretezza all'attacco.Al 39' occasionissimaper Russo che servito daColacone si fa deviare in angoloda Brancaccio la conclusionea distanza ravvicinata.E al 44' è il palo esterno a salvareBigliazzi con Foschinipescato da Saverino sul filodel fuorigioco.di Luca Tronchetti