«Droga controllata ai tossici» Proposta antirapine del pm antimafia Nobili


MILANO. Per combattere rapine e omicidi legati all'esigenza della «dose» giornaliera, si dovrebbe cominciare a pensare a programmi di «somministrazione controllata di eroina ai tossicodipendenti cronici»: la proposta viene dal Pm antimafia milanese, Alberto Nobili, ma sulla stessa linea risultano anche altri magistrati «di punta» della Procura di Milano. Per Nobili, magistrato impegnato da anni nella lotta contro il traffico internazionale di stupefacenti, la necessità della dose è «l'idea fissa di migliaia di tossicodipendenti in questa città» ed è all'origine di furti, rapine e anche omicidi, come nel caso del gioielliere Ezio Bartocci. La Lega italiana per la lotta contro l'Aids (Lila) «condivide pienamente» la proposta del Pm Nobili, che è invece giudicata «pericolosissima» da don Oreste Benzi, responsabile dell'associazione Papa Giovanni XXIII.