Per Guidolin arriva l'esonero


UDINE. L'Udinese ha esonerato Francesco Guidolin affidando la conduzione tecnica della squadra a Luigi De Canio. L'annuncio è stato dato dalla stessa società friulana che, per motivi legati all'imminenza della stagione sportiva, ha voluto anticipare «il chiarimento» con il tecnico di Castelfranco Veneto. De Canio, che lo scorso campionato ha sfiorato la promozione in A con il Pescara, sarà presentato ufficialmente lunedì prossimo. L'esonero di Guidolin era nell'aria per lo meno da martedì, quando il direttore generale dell'Udinese, Pierpaolo Marino, presentando due nuovi acquisti bianconeri, precisò che tra Pozzo e Guidolin c'era «della ruggine». Il dirigente dell'Udinese si affrettò ad auspicare che «nell'interesse della squadra le divergenze potessero appianarsi», ma negli ambienti sportivi friulani tutti compresero che il futuro bianconero del tecnico veneto era ormai segnato. Le incomprensioni tra Guidolin e il «patron» dell'Udinese erano scoppiate il 25 aprile, dopo la vittoria (3-1) dell' Udinese a San Siro contro l'Inter. Allora Guidolin, nelle interviste del dopo partita, polemizzò con il pubblico friulano «che non apprezza - disse - il lavoro che sto facendo». Tali dichiarazioni non furono evidentemente gradite da Pozzo e la polemica salì di tono nei giorni successivi, coinvolgendo un po' tutto l'ambiente udinese. Ufficialmente, visto che la squadra era ancora in lotta per un posto in Champions League, tutto si chiarì dopo un incontro tra Pozzo e lo stesso Guidolin. Ma la pace era destinata a durare poco. Le offerte del Betis Siviglia - delle quali, come Guidolin ha sempre ammesso, i Pozzo erano a conoscenza - hanno poi definitivamente interrotto il rapporto di fiducia. Con la decisione di oggi, Pozzo ha solo voluto fare subito chiarezza e anticipare i tempi. L' Udinese, infatti, comincerà il ritiro il 16 luglio.