Scheggi presidente della Provincia al primo turno Composizione del consiglio


GROSSETO. Il diessino Lio Scheggi è il nuovo presidente della Provincia. Ha sconfitto i suoi avversari al primo turno, conquistando la poltrona che fu di Gentili. E' la prima vittoria importante del centrosinistra dopo una serie di sconfitte; un lungo tunnel imboccato nel 1996, quando Titti Parenti, allora di Forza Italia, strappò, a nome del Polo, il seggio di deputato a Viviani. Un tunnel diventato, via, via sempre più buio, con la perdita, nel 1977, del comune di Grosseto e di Orbetello. «Da ieri - dice il segretario dei Ds, Capitani, con giusta soddisfazione - la tendenza si è invertita». Mugnai, presidente di An, non è d'accordo e ricorda i molti voti in più che prese il centrosinistra nelle precedenti provinciali del 1995. Aldilà di tutto, resta per Scheggi la soddisfazione di una vittoria che, alla vigilia, veniva messa in dubbio da molti. Il candidato del centrodestra Carlotti, outsider della politica, ha, comunque, perso con dignità. E' andata molto meno bene a Lega Nord e Liste Civiche e, tutto sommato, non è stato brillante nemmeno il risultato di Corsi (4,4%) malgrado entri in consiglio. Ai Verdi, infine, è andato 1,58 dei voti. La maggioranza dovrebbe essere così rappresentata in consiglio: 10 consiglieri Ds, 1 Pdc, 1 Rifondazione Comunista, 1 Ppi, 1 Sdi. Sui banchi dell'opposizione dovrebbero sedere 5 di An (Carlotti compreso), 4 di Forza Italia e Hubert Corsi del Ccd.