Merz in candid camera Tre puntate con Marco Balestri su Italia 1


ROMA. «La maggior parte dellecandid camere che mostreremo nonle ho mai viste. Anagraficamente sonopiù vicina a «Scherzi a parte» chealle zuppette di Nanni Loy ma trovodel tutto straordinario quell'occhioche spia la gente di nascosto: sonodei pezzi di tv davvero esilaranti. Leprime candid sono addirittura straordinarie:negli anni sessanta nessunosi aspetteva di essere ripreso e dunquele facce delle persone hannoqualcosa di irripetibile». AlessiaMerz, la bella trentina scoperta daGianni Boncompagni ai tempi di«Non è la Rai» divenuta una star dellatv come velina di Antonio Ricci esoprattutto come ospite fissa del salotto«buono» di Fabio Fazio, condurràcon Marco Balestri tre seratEsu Italia 1 «celebrative» se così si puòdire di una delle invenzioni più longevee divertenti del piccolo schermo:la candid camera. E proprio«candid camera Cafè» si chiamerà ilprogramma che vedremo a partireda domenica prossima. «Il nostro sarà uno show-omaggio_ racconta Alessia _ andremo inonda da Roma e ripecorreremo perimmagini la storia delle candid. Ognipuntata mostreremo diciassette candiddi repertorio. Il materiale nonproviene solo dagli archivi italianima anche da quelli americani. Abbiamodelle candid addirittura degli anniquaranta, più ovviamente i pezzipiù noti e divertenti delle telecamerenascoste italiane. Io e Marco faremotra un servizio e l'altro delle piccolegag di rimando al servizio». Scusi Alessia ma il suo sogno nonera il cinema?«Lo è ancora, ma se mi continuano aproprorre televisione mica posso rinunciarciperchè voglio diventare attrice.E poi tra poco comincerò a girareun film per Mariano Laurenti. Il titolodovrebbe essere, «Noi due inseperabili»,e sono pittusto soddisfattadel mio personaggio visto che per laprima volta mi faranno fare una parte"cattiva". Il mio cooprotagonistasarà Attilio (dei ragazzi italiani,ndr).E poi c'è la fiction sia per la Rai cheper Mediaset». Che fiction?«La Rai il 13 maggio trasmetterà «Ilcommissario Montalbano» tratto dairomanzi di Andrea Camilleri. Io sonouna vedova ricca, proprietaria diun albergo, alla quale in molti cercandodi estorcere denaro. Su Canale5 invece mi vederete con EnricoMontesano in «L'ispettore Giusti».In ogni caso il mio sogno è di girareper il cinema non per la tv». Un sogno abbastanza curioso. Attricicome la Ferilli e la Brilli dopoaver girato «Commesse» hanno manifestatoun vero entusiamo per la fictiontelevisiva. «Tra un film mediobasso e una fiction di livello io scelgola seconda» ha sintetizzato la Ferillidicendosi pronta a ripetere l'esperienza. Il suo sogno di cinema non sarà unpo' infantile? «Non credo. La mia passioneper il cinema è esplosa tardi,proprio mentre lavoravo per la tv.Da piccola mi pensavo come istruttoredell'Isef non certo come attrice.Tutto quello che mi è arrivato è arrivatoper caso. Però ora adoro il cinema.E poi, vede, io sono una personapiuttosto solare e mi piacerebbe damorire che qualcuno mi affidasse unruolo drammatico».

Maria Berlinguer