Vuelta. Crono a Zulle, lo spagnolo leader Olano verso il trionfo


FUENLABRADA (Spagna) - Alex Zulle ritrova orgoglio e vigore e si impone nella cronometro, dopo la quale Abraham Olano (secondo nel tic tac a 1" dallo svizzero) si riappropria della maglia gialla che, è quasi una certezza, indosserà anche oggi dopo l'ultimo traguardo di Madrid. Ma il vero vincitore di questa Vuelta è forse l'americano Lance Armstrong che proprio nella corsa spagnola ha dimostrato di essere tornato alla piena efficienza fisica: il tumore che lo mise fuorigioco alcuni anni fa ora è solo un brutto ricordo. Quinto venerdì nel tappone di montagna, terzo ieri a soli 8" da Zulle, quarto in classifica: Armstrong sembra essere tornato quello che vinse i Mondiali del '93 a Oslo. I primi tre posti della graduatoria sono invece riservati solo agli spagnoli, con Escartin che dopo la crono ha superato Jimenez alle spalle di Olano, il 29/enne corridore basco che, salvo impensabili contrattempi, conseguirà oggi il più grande successo della sua carriera dopo il Mondiale del '95. Alle sue spalle ci sarà Escartin, silenzioso comprimario che senza vincere una tappa, nè indossare mai la maglia gialla, si ritrova al posto d'onore. Jimenez ha pagato a cronometro lo scotto previsto. Simil Pantani sulle salite, non ha saputo imitare il Pirata anche contro il tempo: la sua resa era scritta, anche perchè è un gregario di Olano e non poteva danneggiare il suo capitano. Ordine d'arrivo: 1) Alex Zulle (Svi-Festina) in 46'36"; 2) Abraham Olano (Spa) a 1"; 3) Lance Armstrong (Usa) a 8"; 4) Richard Virenque (Fra) a 1'01"; 5) Jose Luis Rubiera (Spa) a 1'11". Classifica generale: 1) Olano (Spa-Banesto); 2) Escartin (Spa) a 1'23"; 3) Jimenez (Spa) a 2'12"; 4) Armstrong (Usa) a 2'18"; 5) Jalabert (Fra) a 2'37".